in

Mercedes 2022: tutte le probabili e sicure uscite del nuovo anno

Gli amanti della stella a tre punte non rimarranno affatto a bocca asciutta il prossimo anno: si prospettano, infatti, tante Mercedes 2022.

Mercedes-AMG SL

Mercedes 2022: la direzione imboccata a Stoccarda è palese e durante il prossimo anno potremo stabilire con mano lo stato di avanzamento della Casa tedesca verso l’elettrificazione completa della gamma. Un obiettivo fissato per il 2030, ma che, ovviamente, implica il rispetto di una precisa tabella di marcia. Per dare concretezza ai buoni propositi una fetta importante del futuro si gioca qui e quello in arrivo sembra l’anno della vera e propria svolta. Difatti, il 2022 fornirà alcuni degli ultimi lanci di modelli “classici”, da affiancare alla definizione di un portafoglio di un assortimento elettrico, che, già mentre scriviamo questo articolo, si presenta come uno dei più ricchi e articolati.

Difatti, sappiamo che nella prossima stagione sarà in vendita la nuova Mercedes AMG SL, presentata giusto pochi giorni fa. Sarà l’ultima generazione a motore endotermico: dal quartier generale hanno fatto sapere, a tempo debito, l’intenzione di non immettere in commercio delle new entry non elettriche a partire dal 2025. Dunque, il tempo stringe, ciononostante potremmo comunque assistere all’avvento di qualche Sport Utility Vehicle e pure di una sportiva, a metà tra Classe C e Classe E, dal plausibile nome di CLE, in varianti Coupé e Cabriolet. Andiamo allora a scoprire nei paragrafi seguenti le novità attese da parte di Mercedes per il 2022.

Mercedes 2022 Classe A restyling

Mercedes Classe A

Correva il 2018 quando la Mercedes Classe A – serie W177 – venne tenuta a battesimo e probabilmente pure il suo restyling avrebbe dovuto vedere la luce in primavera, durante il Salone di Ginevra, che però non ha tenuto luogo e lo stesso varrà nel 2022. E allora quali provvedimenti saranno presi? Secondo la tesi più accreditata, la compagnia finirà per svelarla entro la fine del 2021, anche tenuto conto delle foto spia, dove le camuffature non sono eccessivamente pesanti. Pertanto, si tratterebbe di una rivisitazione dell’immagine appena discreta, attinente a frontali e luci posteriori. L’uscita nelle concessionarie sarebbe, invece, in programma nel corso della primavera, confermando entrambi i modelli a 4 e 5 porte.

Sotto il piano tecnologico e tecnico, invece, la Mercedes Classe A in procinto di sbarcare sarebbe sul punto di convertire l’intera gamma o quasi alla tecnologia mild hybrid, andando a riguardare ogni benzina e diesel, fatta eccezione per le prestanti 2.0 delle AMG 35 e 45, e magari “rinfrescare” la controparte ibrida ricaricabile 250e con una batteria più potente che dia una autonomia ancora superiore in modalità elettrica.

Mercedes EQB

Chi ben comincia è a metà dell’opera, dicevano gli antichi saggi. E così pare la pensino pure la stella a tre punto. Già a gennaio 2022 andrà in scena la Mercedes EQB, opzione elettrica di GLB, che – si pensa – andrà a riprendere le idee della EQA. Lunga poco meno di 4.7 m, la EQB mantiene un ampio abitacolo e i 7 posti della concezione tradizionale. Eppure, disporrà di una novantina di litri in meno di capienza.

Questo per via dell’ingombro della batteria, che tuttavia – promettono – non ne comprometterà la versatilità. Per correttezza di cronaca, il lancio vero e proprio terrà luogo alla fine del 2021. Ma in realtà sarà in vendita con il 2022, probabilmente tra gennaio e febbraio. Il top di gamma saprà sprigionare sull’asfalto oltre 270 cavalli e garantire una autonomia superiore ai 400 km.

Mercedes-AMG Classe C

Mercedes Classe C

A seguito del lancio in commercio della inedita Mercedes Classe C All-Terrain tuttora piuttosto recente, alla partita mancano giusto le versioni AMG, che i tecnici stanno collaudando da parecchio e non si faranno attendere. Fin qui brancoliamo nel campo delle supposizioni e delle ipotesi, comunque sembrano abbastanza buone le chance di imbattersi nella medesima gamma, con i modelli 43, 53 e 63 e carrozzerie Station Wagon e berlina, ma in assenza dei propulsori a 6 e a 8 cilindri. Proveranno a non farli rimpiangere i nuovi ibridi, basati sul 4 cilindri 2.0 sovralimentato accompagnato da sistemi rispettosi dell’ecosistema, atti a conferire un’iniezione di ulteriori cavalli “elettrici”. Per la top level si parla di oltre 500 cavalli complessivi e prestazioni ancora più spinte.

Chi è avvezzo al cupo ruggito del 4.0 V8 biturbo uscente è bene si prepari a tangibili cambiamenti. Difatti, le proposte elaborate ad Affalterbach erediteranno lo stesso 2 litri M139 dell’A45 AMG opportunamente aggiornato. Del resto, il downsizing era da porre in preventivo. Con le nuove normative Euro 7, infatti, a Mercedes è toccato adottare gli opportuni accorgimenti e progettare AGM più attente ai consumi e alle emissioni. Il 4 cilindri verrà montato longitudinalmente e avrà modo di contare sul supporto di uno speciale turbo parecchio simile a quello dell’hypercar Amg One.

Mercedes 2022 CLE Coupè e Cabriolet

Mercedes CLE

Protagonista di due generazione di cabriolet e di coupé “dedicate”, le Mercedes 2022 Classe C e Classe E tornano a più miti consigli, alla cara e vecchia via di mezzo. Nel corso dei mesi del prossimo anno è ipotizzabile l’immissione in commercio della versione definitiva delle nuove Mercedes CLE, che trarranno spunto dal concetto delle CLK, collocandosi a metà strada tra la media e la media superiore.  

Tuttavia, se ai fasti di un tempo pure il telaio rappresentava un mix tra quelle dei due modelli, ben distinti, oggi con la nuova piattaforma flessibile i modelli a motore longitudinale fuoriescono da un’unica base, sciogliendo i dubbi sulla effettiva “maternità”. La CLA conterà su un look altamente riconoscibile e per la cabrio sul tetto in tessuto, a cui tale famiglia non ha mai rinunciato.

Mercedes GLC

Mercedes-AMG GLC

La Mercedes GLC è stata la prima macchina della Stella a disporre di una controparte elettrica, la EQC. Eppure, dagli indizi e dalle voci emerse si paventa ancora una generazione del veicolo tradizionale, opportunamente elettrificato, prima della fatidica data del 2025. Il modello in questione godrà di peculiarità davvero appetibili, nonché di misure più generose e gli immancabili motori plug-in hybrid e mild hybrid.

Risponderà, poi, all’appello il sistema di trazione integrale, attinto dalla Classe S, volto a elevarne la maneggevolezza. Terrà fede alle elevate aspettative? Lo scopriremo nella seconda metà dell’anno. Non risulta, invece, confermata la bramata variante coupé.

Mercedes GLE e GLE Coupé restyling

Mercedes GLE

Da una costola della Classe M, si materializzarono le Mercedes GLE e Mercedes GLE Coupé. Adesso, viene il momento del restyling di metà. Che, però, a giudicare dalle foto-spia diramate, sarà quasi interamente incentrato sulle fanalerie e non condurrà a rivisitazioni consistenti nemmeno con riferimento agli interni, in cui rimarranno gli attuali schermi orizzontali, giusto ritoccati con aggiornamenti di software e funzioni.

Anche in questo caso è presumibile si implementi l’ibrido, con ipotetiche nuove varianti plug-in ad accompagnare i modelli Mercedes GLE 350 de con EQ Power e i mild hybrid benzina EQ Boost.

Mercedes EQE

Mercedes-AMG EQE

Alla prova dei fatti, la Mercedes EQE, berlina elettrica medio-superiore, consiste in una EQS in scala leggermente ridotta, meno estremizzata nell’aerodinamica ma con un buon bilanciamento tra autonomia, spazi e performance. Difatti, è lunga 4.95 m, larga 1.96 m e alta 1.51 m. Al battesimo si fregerà della versione 350 a motore singolo posteriore da 292 cavalli (215 kiloWatt) e 530 Nm di coppia motrice massima, alimentata da una batteria agli ioni di litio che assicura un’autonomia fino a 660 km e che ricarica in modalità rapida dal 10 all’80 per cento della capacità massima in poco più di mezz’ora.

La produzione avrà inizio nelle settimane a venire, ma per il lancio occorrerà armarsi di pazienza, sicché non sarà introdotta nella gamma prima della stagione estiva. In merito al prezzo di listino, non sussistono comunicazioni ufficiali a riguardo. Detto ciò, fatte le dovute proporzioni con EQS (che per la versione 450+ parte da 130 mila euro), presumibilmente non sarà granché inferiore alla soglia dei 100 mila euro.

Mercedes 2022 EQE SUV

Mercedes EQE SUV

Se EQE è pronta al lancio, per la sua variante Mercedes EQE SUV, ossia l’alter-ego a batterie ed erede designata di GLE, il 2022 sarà l’anno buono per cominciare a scoprirla. Per il momento non è sicuro che sarà inserita in listino un’interpretazione coupé, ma rammentando che tra le rivali figura un certo Audi e-tron con tanto di sorella gemella Sportback, probabilmente si virerà in tale direzione.

Allo stato attuale delle cose è noto che sarà assemblato negli Stati Uniti d’America, più precisamente a Tuscaloosa, insieme a GLE e GLS, in confronto alla EQE presenterà dimensioni più compatte ed è lecito supporre si aprano le danze attraverso una variante a motore e trazione posteriori con poco meno di 300 cavalli di potenza, per poi ampliare la gamma con l’integrale a 2 motori e le declinazioni AMG, dal piglio decisamente più energico e dinamico. Del resto, è la specialità degli addetti di Affalterbach e c’è da scommettere che la nomea sarà preservata.

Mercedes EQS SUV

Nuovo Mercedes EQS SUV foto spia

Tiratole su il velo in qualità di concept come Mercedes-Maybach EQS SUV, conferma come il Costruttore sia propensa a salvaguardare il brand di lusso Mercedes-Maybach pure per la future gamma “con la spina”, dando il via ai lavori con una variante del modello a batteria che prenderà il posto dell’attuale GLS ma che sarà peraltro offerta in una versione Mercedes-Benz, all’insegna della tradizione.

Il prototipo dichiara 600 km di autonomia, ma non ci sono dettagli relativamente a batteria e powertrain, malgrado la sensazione è che si tratteranno di quelli della EQS 580. Su data di lancio e listino prezzi si attendono tuttora delle note da parte degli organi competenti, ma si presume l’arrivo verso la fine del 2022.

Mercedes G Professional Line

Mercedes Classe G Professional Line

Il nome tende a trarre in inganno. Senza aver letto né sentito nulla in proposito, è facile ipotizzare per Mercedes G Professional Line un mero utilizzo da lavoro. E invece non sfigurerà nemmeno nel momento in cui verrà adottato per il tempo libero e rappresenta la principale novità nell’assortimento del G classico per la stagione 2022.

L’allestimento contempla portapacchi studiati per poter accogliere una tenda, supporto per la ruota di scorta sul portellone, paraspruzzi per ruote anteriori e posteriori, ma soprattutto griglie di protezione sui fari anteriori a LED, ciascuno di essi accessorio della linea Professional.

Mercedes 2022 EQG

Mercedes EQG render Carwow

Tra le auto svelate nel corso del Salone di Monaco di Baviera delle Mercedes 2022, quella che ha avuto il merito di catturare principalmente gli sguardi indiscreti dei visitatori è il Mercedes EQG, declinazione dell’iconico fuoristrada Classe G.

La Casa non ha finora fornito dati su potenza e batterie. Accontentiamoci dei dettagli intriganti sul sistema di trazione integrale con controllo dell’assetto e della coppia da tramutarla in una autentica belva per l’off-road estremo, con doppio riduttore e pendenza superabile del 100 per cento.

Sottoposto a rigorosi test nella città austriaca di Graz, la “casa” delle G dal 1979 ad oggi, sono alte le probabilità che si continui a costruirlo presso il versatile stabilimento della Magna Steyr. Sul lancio mancano ancora particolari non trascurabili, anzi. Ad esempio, permane un grosso punto interrogativo sul prezzo. Che sarà particolarmente elevato, tenendo presente quello già esorbitante del modello di partenza. È plausibile che per accaparrarsene uno, la cifra da sborsare si aggiri sui 150 mila euro. Nel 2022 auspichiamo di conoscere quantomeno i particolari della versione standard, se non di assistere al lancio vero e proprio.

Mercedes-AMG SL

Mercedes-AMG SL

La nuova, e sotto certi ultima, generazione della inimitabile Mercedes SL, senz’altro l’ultima prima del passaggio alla trazione 100% elettrica è stata appena presentata in maniera ufficiale e – anche senza versioni neutrali per l’ecosistema – ha già portato qualche rivoluzione: oltre ad essere la prima totalmente realizzata da AMG, e pertanto ribattezzata Mercedes-AMG SL, è pure la prima a implementare la trazione integrale.

Due modelli, entrambi spinti dal V8 biturbo da 4 litri ma con potenze di 476 e 585 cavalli rispettivamente per la 55 4Matic+ e la 63 4Matic+, trasmessi mediante il cambio automatico a 9 rapporti rivisto da AMG. La vettura promette prestazioni esaltanti grazia alla piattaforma super-leggera e al ritorno alla capote in tela, a distanza di due generazioni, contraddistinti da tetti metallici ripiegabili, che mai hanno saputo prendere il posto della inconfondibile tela nel cuore dei sostenitori.

Tra le Mercedes 2022, si darà il benvenuto a una terza declinazione ibrida. Se le previsioni circolate risulteranno fondate, consisterà nella formidabile 73 E-Performance attesa peraltro sulla Classe S e sulla AMG GT 4 porte, che coniuga il V8 e un modulo elettrico, per un totale di 800 cavalli. In uscita tra febbraio e marzo, il prezzo di listino dovrebbe partire da 130 mila euro.

Mercedes-AMG One

Mercedes-AMG One

A furia di rinvii, gli acquirenti non ci crederanno finché non gliela consegneranno davvero. I disagi riscontrati nella messa a punto hanno provocato continui slittamenti per l’hypercar ibrida Mercedes-AMG One. D’altronde, le ambizioni sono incredibili: costruire un bolide elettrificato intorno al gruppo motore della monoposto di F1 W07, con un “cuore” costituito dal potente 1.6 turbo abbinato a un doppio sistema di recupero energetico/booster elettrico, a cui AMG ha conferito due unità elettriche aggiuntive per le ruote anteriori.

Più della gestione della potenza, indicata in 1.200 cavalli, la sfida è stata quella di adattare un powetrain concepito per la classe regina delle competizioni all’utilizzo stradale, adeguando il comportamento del propulsore e attenuando la rumorosità. La produzione dovrebbe finalmente prendere largo nella stagione estiva e le consegne delle 275 unità, previste ai primi clienti in lista d’attesa, a partire dall’autunno. Il prezzo è, naturalmente, da capogiro: 2 milioni e 200 mila euro.

Looks like you have blocked notifications!