Beat, la startup di Mercedes che compete con Uber, arriverà in Messico nel 2019

Beat Mercedes

Città del Messico sta per diventare la scena di una lotta “feroce” tra tre servizi di trasporto privato con l’arrivo di Beat, la startup di proprietà di Mercedes-Benz, nel marzo 2019. La compagnia competerà con Didi, il gigante dei trasporti con base a Pechino, che è stato incaricato di “portare” Uber fuori dalla Cina, che lancerà il suo servizio entro il prossimo dicembre e con Uber .”Vogliamo essere aggressivi”, ha detto Nikos Drandakis , co-fondatore e CEO di Beat, in un’intervista telefonica. “Abbiamo quello che serve per conquistare una parte considerevole del mercato a Città del Messico”, ha aggiunto. La firma del 55enne imprenditore è stata consolidata in città come Atene e Lima, ma non ha mai gareggiato con Uber e Didi in nessun mercato importante per queste società.

Con l’arrivo di Beat, la startup di proprietà di Mercedes-Benz, nel marzo del 2019 Città del Messico diventerà terreno di scontro con Uber

Per le aziende di trasporto private, Città del Messico appare come un premio a causa di una popolazione che raggiunge 21 milioni di persone (compresa l’area metropolitana) e un sistema di trasporto pubblico inadeguato. Inoltre, nella capitale del paese ci sono molte persone che cercano un lavoro complementare, che si traduce in potenziali conducenti. “Questo è un grande mercato ed è anche positivo perché qui la mobilità è un problema importante”, ha spiegato Fernando Páez, consulente di trasporti per il World Resources Institute di CDMX.

Drandakis e altri tre amici hanno fondato Beat ad Atene nel 2011 come applicazione per trovare i taxi durante la crisi economica in Grecia. Attualmente un terzo dei 3,1 milioni di ateniesi usa il servizio, ha detto l’esecutivo. Drandakis ha portato il servizio a Lima nel 2014, dove beat ha iniziato ad offrire i propri servizi ai conducenti piuttosto che ai tassisti ed è diventato il numero uno della domanda, raddoppiando i loro viaggi ogni anno e superando Uber, che è arrivato in città nello stesso anno. Mercedes Benz, proprietaria di Daimler, vide le potenzialità dell’applicazione e acquistò Beat nel 2017, in una transazione del valore di 45 milioni di dollari.

Da allora, l’azienda ha quadruplicato il numero dei dipendenti (oggi sono 400) e ha ampliato a Bogotà e Santiago in Colombia e Cile,  in cui ha aggiunto un milione di clienti nel suo primo anno. Ora la prossima sfida è Città del Messico, una sfida più difficile  poichè da tempo Uber ha operato in città ed anche per l’imminente arrivo di Didi. In effetti, Beat aveva già provato a iniziare a servire al CDMX nel 2014, ma fu costretto ad abbandonare l’operazione a causa della mancanza di risorse.

Grazie al denaro di Daimler, Drandakis è stata in grado di inviare una squadra di cinque persone a CDMX a giugno per progettare la sua proposta per la città di Chilanga. Il fondatore di Beat spera che nel processo di reclutamento possano aggiungere migliaia di piloti e iniziare a mettere insieme una squadra fissa composta da 40 a 50 persone. L’obiettivo? Diventare la compagnia numero uno del trasporto privato nel CDMX in un periodo di tre anni. “Siamo una piccola azienda, ma siamo anche agili e in grado di innovare più velocemente dei nostri concorrenti”, ha affermato.

 

Hai le notifiche bloccate!