La società di noleggio di scooter elettrici Hive appartenente al conglomerato per la mobilità formato da Bmw e Daimler, ha scelto la città di Barcellona per localizzare la sua sede europea e fare il salto nella capitale catalana nonostante le controverse normative sulla mobilità imposte dal sindaco, Ada Colau. Hive, fondata nel dicembre dello scorso anno, opera attualmente in dieci città in sei paesi – tra cui Portogallo, Grecia , Austria, Francia, Polonia e Belgio – e prevede di iniziare la sua attività nella capitale catalana nelle prossime settimane, la prima tappa della sua assalto al mercato nazionale.

Il CEO dell’azienda, Tristán Torres, afferma che la sua azienda sbarca a Barcellona con un modello di business “pionieristico” in Spagna, basato sull’abbonamento mensile, che consente all’utente di portare il veicolo a casa, che è completamente adattato alle normative comunali, che impedisce il parcheggio delle flotte sulla strada. “Stiamo aspettando che il Consiglio comunale ci fornisca le targhe di immatricolazione degli scooter che utilizzeremo”, ha spiegato Torres, che ha specificato che questa procedura sta ritardando i piani per la messa in servizio del servizio, inizialmente previsti per il mese luglio.

L’arrivo di Hive gonfia l’elenco delle aziende di scooter che negli ultimi anni hanno lanciato il loro servizio a Barcellona, una città che è stata pioniera nella regolamentazione dell’uso dei veicoli per la mobilità personale su strade pubbliche non senza qualche polemica.