La società di elettronica tedesca Bury ha chiesto alle autorità di regolamentazione antitrust dell’Unione Europea di indagare sulle pratiche di licenza di Nokia sui brevetti essenziali per le comunicazioni automobilistiche. Si tratta della seconda denuncia di questo tipo dopo quella presentata da Daimler. Mentre le società con brevetti chiave dovrebbero offrire queste licenze a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie, la mancanza di regole chiare sul calcolo delle tariffe e dei termini delle licenze porterà inevitabilmente a controversie quando le aziende non riescono a concordare le tariffe.

Bury, una società a conduzione familiare con stabilimenti in Germania, Polonia e Messico, ha dichiarato di aver presentato una denuncia alla Commissione europea. “Nokia si rifiuta di concedere in licenza i componenti mobili, mentre Nokia insiste sulla concessione di licenze indirette per l’intero veicolo”, ha dichiarato Bury in una nota.
“Nokia non possiede un brevetto essenziale standard orientato al veicolo, quindi Nokia non può richiedere la concessione di licenze indirette per l’intero veicolo”, ha affermato.

Nokia, che ha un portafoglio di brevetti molto redditizio risalente al periodo in cui era uno dei principali produttori di telefoni cellulari, ha dichiarato di aver avviato colloqui con le case automobilistiche e i loro fornitori primari nel 2015. “Nulla nella denuncia di Bury cambia la nostra opinione in merito”, ha detto in una nota. La politica dell’azienda è quella di concordare le licenze che coprono le auto connesse a Internet e non i singoli componenti. La Commissione ha confermato di aver ricevuto la denuncia di Bury e ha affermato che l’avrebbe valutata.