HERE Technologies, Tom Tom , le autorità di trasporto di sei paesi europei, Daimler, BMW, Ford e Volvo stanno testando come le informazioni relative a situazioni pericolose possano essere trasmesse utilizzando la tecnologia Car-to- X. Oggi i partner del progetto hanno firmato un memorandum d’intesa (MoU) a Eindhoven, nei Paesi Bassi. La fase di test dovrebbe durare dodici mesi, a partire dai Paesi Bassi. Daimler ha già utilizzato le tecnologie di rete mobile come standard per inviare avvisi di pericolo da veicolo a veicolo (Car-to-Car) dal 2013. Per la prima volta, i principali OEM e i servizi di navigazione stanno ora lavorando su una joint venture ad una soluzione più ampia. I ministeri dei trasporti in Germania, Spagna, Finlandia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Svezia stanno sostenendo il progetto. L’obiettivo del progetto pilota avviato oggi è condurre ricerche sugli aspetti tecnici, economici e legali di Car-to-X. Car-to-X è il termine usato per descrivere la comunicazione tra veicoli e con l’infrastruttura di trasporto.

Sajjad Khan, Vicepresidente esecutivo, membro del consiglio divisionale di Mercedes-Benz, CASE ha dichiarato: “La comunicazione Car-to-X ha il potenziale per migliorare significativamente la sicurezza sulle strade. Con questo progetto stiamo innalzando i precedenti approcci ad un nuovo livello: per la prima volta abbiamo a bordo numerosi partner altamente capaci ed efficaci, in modo che i messaggi di avvertimento possano raggiungere un gran numero di utenti della strada praticamente in tempo reale. Questo può salvare vite. Daimler ha già gettato le basi per questo sviluppo anni fa: già oggi i veicoli Mercedes-Benz sono dotati della tecnologia necessaria per lo scambio ampio e sicuro di informazioni sul traffico relative alla sicurezza “.