Daimler, Bmw e Volkswagen respirano: Trump ha rinunciato alle tariffe sul Messico

Daimler, Bmw e Volkswagen
Daimler, Bmw e Volkswagen

Daimler, Bmw e Volkswagen per il momento possono stare tranquille. La minaccia delle tariffe punitive del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulle importazioni di merci dal Messico sembra per il momento essere stata scongiurata. Entrambi i paesi hanno raggiunto un accordo nella disputa sui confini, ha detto Trump venerdì sera su Twitter. “Le tariffe programmate per essere imposte dagli Stati Uniti lunedì contro il Messico sono state posticipate indefinitamente” , ha scritto Trump. Il Messico, a sua volta, ha accettato di adottare misure severe contro “la migrazione attraverso il Messico e il nostro confine meridionale”. I dettagli verranno annunciati dal Dipartimento di Stato americano, ha continuato Trump.

Il Messico è un nodo strategico per l’industria automobilistica: Il paese si trova proprio accanto al principali clienti USA, ha una posizione chiave geografica, una catena di approvvigionamento ben radicata, bassi salari e gli accordi di libero scambio con più di 40 stati. Molte compagnie automobilistiche straniere investono qui, ad esempio Volkswagen, Daimler, BMW, Toyota e General Motors. Nel 2018 sono stati esportati 3,5 milioni di auto, pick-up e furgoni, il 75% degli stessi negli Stati Uniti. Nel bel mezzo della disputa commerciale tra Stati Uniti e Messico, BMW ha aperto il suo primo stabilimento nel paese dell’America Latina il 6 giugno. “Da qui consegniamo la BMW Serie 3 berlina ai clienti di tutto il mondo”, ha dichiarato il direttore di produzione Oliver Zipse. Anche Daimler è molto attiva nel paese.

Bmw e Daimler
Looks like you have blocked notifications!