Un business debole in Europa e negli Stati Uniti ha dato al gruppo Daimler un inizio anno non particolarmente felice. Il gruppo di cui fa parte il brand Mercedes-Benz ha venduto 180.539 vetture in tutto il mondo a gennaio. Si tratta di un dato che rappresenta un calo del 6,7 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, come annunciato lunedì dalla società a Stoccarda. “Il mese scorso abbiamo registrato un risultato al di sotto di quanto fatto l’anno precedente, ma ciò corrisponde alle nostre aspettative a causa di importanti cambiamenti nei modelli”, ha dichiarato il capo vendite di Daimler, Britta Seeger.

“Il 2019 sarà un anno impegnativo per l’intero settore”, ha affermato il manager. Con i nuovi modelli, tuttavia, Mercedes vuole migliorare ancora, specialmente nella seconda metà dell’anno e ottenere una leggera crescita delle vendite per l’intero anno. Soprattutto in Europa, anche nel mercato nazionale tedesco, così come in Nord America, le vendite di veicoli premium con la stella sono calate. L’inizio debole dell’anno è stato attenuato dalla Cina, il più importante mercato unico, in cui Daimler ha guadagnato il 4,8%. Ma le vendite sono diminuite anche nel resto dell’Asia. Considerando tutti i marchi venduti da Daimler  insieme, l’azienda ha registrato il 6,8 per cento in meno nelle vendite rispetto a gennaio 2018.