Daimler pagherà una sanzione di 870 milioni di euro per il dieselgate

Daimler
Daimler

Daimler pagherà una multa di 870 milioni di euro per aver infranto le norme sulle emissioni diesel. Lo hanno riferito martedì i procuratori tedeschi. Il produttore di auto Mercedes-Benz ha dichiarato che non avrebbe presentato ricorso contro la sanzione e che avrebbe mantenuto invariate le previsioni sugli utili. La multa pone fine all’incertezza giuridica che circonda la società con sede a Stoccarda.

I pubblici ministeri e i regolatori di tutto il mondo hanno indagato sulle case automobilistiche sin dall’ammissione della Volkswagen nel 2015 di aver truffato nei test di misurazione dell’inquinamento dei suoi motori diesel negli Stati Uniti, che hanno portato a rivelazioni di violazioni delle regole da parte di numerosi produttori. Separatamente martedì, i pubblici ministeri tedeschi hanno accusato i vertici di Volkswagen dichiarando di aver ritardato nel dire agli investitori i comportamenti illeciti della società.

I pubblici ministeri di Stoccarda hanno dichiarato che Daimler ha violato negligentemente le sue funzioni di vigilanza a partire dal 2008. Di conseguenza, alcuni veicoli diesel sono stati certificati nonostante il superamento delle soglie di emissione in alcuni casi, ha aggiunto. “È nel migliore interesse della società porre fine al procedimento amministrativo in modo tempestivo e completo e quindi concludere la questione”, ha affermato il gruppo tedesco confermando che non avrebbe fatto appello.