Daimler pianifica la vendita di Green Bond

Daimler logo

Daimler AG ha in programma di entrare nel mercato dei titoli obbligazionari verdi mentre procede con il lavoro sui veicoli elettrici, anche se la domanda di auto è in caduta. Il produttore di Mercedes-Benz intende fare un’offerta a “breve termine”, ha detto in una nota giovedì, poiché ha pubblicato un quadro di finanza verde. I fondi sosterranno in parte la spinta dell’azienda a vendere auto a emissioni zero solo entro il 2039.

La Volkswagen AG ha anche pubblicato un quadro di finanziamento verde all’inizio di quest’anno, poiché le case automobilistiche guardano al mercato dei bond verdi da 440 miliardi di dollari come un modo per raccogliere fondi per il passaggio estremamente costoso ai veicoli elettrici. Gli acquirenti di obbligazioni verdi possono abbracciare una maggiore diversità in un settore dominato da servizi pubblici, banche e governi, pur soppesando le preoccupazioni relative al rallentamento delle vendite di veicoli e alle aspettative di Daimler per i guadagni inferiori.

“Accogliamo con favore le case automobilistiche che arrivano sul mercato delle obbligazioni verdi”, ha affermato Arnaud-Guilhem Lamy, che gestisce un fondo di obbligazioni verdi da 567 milioni di euro presso BNP Paribas Asset Management. L’avvertimento sui profitti non sarà un problema se lo spread obbligazionario “è sufficiente per mitigare il rischio”, ha detto.

Secondo una presentazione degli investitori, Daimler spenderà più della metà dei fondi raccolti nell’ambito del quadro di finanziamento verde per progetti di trasporto pulito, compresi lo sviluppo e la fabbricazione di veicoli elettrici, nonché il riciclaggio delle batterie. Il resto verrà utilizzato in settori quali l’efficienza energetica.

Ti potrebbe interessare: Daimler con Green Finance Framework permette ai suoi investitori di partecipare agli obiettivi di sostenibilità

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI