Daimler potrebbe aumentare la sua presenza in Cina

Daimler
Daimler

Daimler starebbe pensando di incrementare la propria partecipazione in una joint venture con il partner cinese BAIC Motor, secondo i soliti bene informati. A quanto pare il produttore di auto di lusso cerca di ottenere un maggiore controllo sulle sue operazioni nel più grande mercato automobilistico del mondo. Daimler ha espresso il proprio interesse ad aumentare la propria partecipazione ad almeno il 65 per cento dal 49 per cento attuale, ha affermato una delle persone, chiedendo di non essere identificato poiché le deliberazioni sono confidenziali. Le discussioni con il gruppo BAIC di proprietà statale sono esplorative e le due case automobilistiche potrebbero non riuscire a raggiungere un accordo.

Una quota del 16% nell’impresa sarebbe valutata tra 2,3 miliardi di euro e 3 miliardi di euro, stima Christian Ludwig, analista di Bankhaus Lampe. Daimler ha rifiutato di commentare i colloqui con BAIC, ma ha detto che è soddisfatto del setup in Cina e delle sue partnership. Alla domanda se ci siano delle prime discussioni sul rafforzamento della partecipazione di Daimler nel BAIC, un rappresentante della compagnia cinese ha detto “non esiste una cosa del genere”. BAIC, ha detto di essere soddisfatto della sua attuale collaborazione con Daimler.

La guerra commerciale USA-Cina ha reso più allettante per i costruttori automobilistici globali la possibilità di espandere la propria posizione nella nazione asiatica. Quest’anno la Cina ha attenuato le regole riguardanti le iniziative automobilistiche, dopo decenni di restrizioni alle compagnie automobilistiche straniere di possedere una quota di minoranza con un partner locale. La prevista contrazione del mercato di quest’anno, la sua prima in due decenni, ha anche spinto i produttori stranieri a cercare maggiori profitti.

Hai le notifiche bloccate!