in

F1: Hamilton avrebbe dovuto ricevere una penalità di 30 secondi

Lewis Hamilton Bernie Ecclestone

Anche l’ex capo della Formula 1 Bernie Ecclestone ha espresso la sua opinione su quanto successo al Gran Premio di Gran Bretagna sul circuito di Silverstone che ha visto Lewis Hamilton vincere la gara per l’ottava volta.

Il pilota britannico, che seguiva il leader del campionato Max Verstappen della Red Bull, ha avuto una collisione ad alta velocità alla copse corner che lo ha portato contro il muro degli pneumatici. Hamilton è stato penalizzato per questa cosa con una penalità di 10 secondi, ma il 90enne ritiene che avrebbe dovuto riceverne una ancora più dura.

F1: Bernie Ecclestone non è d’accordo sulla penalità inflitta a Hamilton al GP di Gran Bretagna

Di chi era la colpa? Devi dirlo, Lewis. Ai vecchi tempi, avremmo detto che era una di quelle cose, un incidente di gara. Era chiaro che tutti stavano facendo del loro meglio per vincere il campionato. Ma se gli steward dovevano essere coinvolti, quindi avrebbero dovuto dare a Lewis più di 10 secondi di penalità. Avrebbero dovuto essere 30 secondi“, ha detto Ecclestone al Mail.

Lewis non era davanti nel punto in cui si sono scontrati. Non era la sua curva. Era quasi una lunghezza di macchina dietro. Ecco perché lo ha colpito dietro, non davanti. Dieci secondi non erano giusti. La punizione non si adattava alla cosa. Se devi dare una sanzione, cosa che in qualche modo non era necessaria, questa non era la decisione giusta – non era abbastanza“, ha aggiunto l’ex dirigente.

Hamilton ha vinto la gara nonostante i danni che la Mercedes ha rivelato avrebbero causato il ritiro del pilota britannico. Per fortuna, la scuderia è riuscita a riparare la monoposto grazie alla bandiera rossa che è stata causata dal violento incidente.

Il pilota della Mercedes-AMG Petronas F1 è sceso al quarto posto dopo aver scontato la sua penalità, ma il suo ritmo gli ha permesso di superare Charles Leclerc due giri prima dalla fine della gara. Al termine, la Red Bull ha chiesto una squalifica di una gara per il sette volte campione del mondo. Ciò ha portato a diversi insulti razzisti contro il britannico che al momento è l’unico pilota afroamericano nella storia della Formula 1.

Looks like you have blocked notifications!