F1, Jackie Stewart: ‘Verstappen sarebbe morto nell’incidente se fosse successo negli anni ’70’

Lewis Hamilton Max Verstappen

Sir Jackie Stewart, leggenda della Formula 1, non è stato il più grande fan di Lewis Hamilton negli ultimi anni e nelle scorse ore se ne è uscito con una nuova critica per il 36enne. Questa volta Stewart ha affermato che l’incidente avvenuto con Max Verstappen della Red Bull al Gran Premio di Gran Bretagna sarebbe costato la vita all’olandese se avessero corso degli anni ‘70.

Francamente, se fosse stato ai miei tempi, Verstappen sarebbe morto. La pista è stata resa molto sicura. Penso che sia stato un ottimo esempio di ciò che Silverstone ha fatto per rendere la pista più sicura. Tuttavia, le persone si prendono più libertà oggi rispetto a prima perché le penalità non sono così grandi… ora è così sicuro che penso che le persone stiano correndo troppe possibilità“, ha detto l’ex campione del mondo PF1.

Sir Jackie Stewart
Sir Jackie Stewart

Jackie Stewart: l’incidente tra Hamilton e Verstappen avrebbe avuto effetti diversi se fosse successo negli anni ’70

I primi giri a Silverstone sono stati un buon esempio perché penso che entrambi i piloti stessero esagerando, in particolare se si pensa che è solo l’inizio della gara. Dobbiamo riorientarlo e purtroppo a volte ci vuole una grande, grande azione o anche una vita per far sì che ciò arrivi alla vera comprensione“, ha aggiunto Sir Jackie Stewart.

L’ex tre volte campione del mondo ha anche applaudito prima vittoria di Esteban Ocon con l’Alpine e ha dichiarato che Lewis Hamilton è stato molto fortunato a terminare la gara in seconda posizione.

È stata una gara molto insolita. Non era certo rappresentativa di quello che sarebbe stato in circostanze normali. È stato bello vedere come la Renault (Alpine) ha ottenuto la vittoria che aspettavano da troppo tempo. Penso che Lewis sia stato molto fortunato a finire secondo date le circostanze, ma la Mercedes fa un buon lavoro e la guida molto bene. Il team Aston Martin ha sicuramente sofferto per essere arrivato secondo e poi squalificato“, ha concluso il leggendario pilota di Formula 1.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!