Mercedes-Benz Tuscaloosa

Il rischio di dazi sulle importazioni e sui ricambi di auto globali in USA ha gettato un’ombra sul mercato automobilistico mondiale, ma alcune case automobilistiche rischiano di perdere più di altre. I produttori europei di auto di lusso come BMW, Mercedes e Jaguar Land Rover sono i più vulnerabili alle tensioni commerciali tra Stati Uniti, Europa e Asia. Lo ha dichiarato Fitch Ratings in una nuova relazione questa settimana.

La maggior parte delle auto che essi vendono negli Stati Uniti viene importata da altrove. Di quel gruppo, Jaguar Land Rover è particolarmente vulnerabile. La casa automobilistica di lusso britannica, che a maggio ha riportato vendite di 9.358 auto in USA, non costruisce nessuna delle sue auto in America. Ciò rende la minaccia di una tariffa di importazione fino al 25% particolarmente dannosa per la società inglese. Altre case automobilistiche di lusso europee come Mercedes e BMW sono a rischio, ma a differenza di Jaguar Land Rover, le due società tedesche hanno spostato gli impianti di assemblaggio negli Stati Uniti con fabbriche a Tuscaloosa, Alabama e Spartanburg nella Carolina del Sud. La produzione di tali impianti rappresenta ancora solo dal 30% al 40% dei veicoli venduti negli Stati Uniti con il 15% delle vendite globali delle società provenienti dall’America.

Più della metà delle importazioni automobilistiche negli Stati Uniti proviene dal Messico, dove Ford e GM hanno entrambi grandi stabilimenti di produzione. All’inizio di giugno, il presidente Donald Trump ha minacciato di introdurre una serie di tariffe crescenti a partire dal 5% su tutti i prodotti importati negli Stati Uniti dal Messico, a meno che il governo messicano non aiutasse a contenere il numero di migranti che attraversavano gli Stati Uniti.