Lo stato dell’Arizona sostiene in una causa che Mercedes avrebbe violato una legge statale programmando software illegali su alcuni modelli dei suoi veicoli diesel per alterare i risultati dei test in laboratorio, lasciando i consumatori ignari che i loro veicoli superavamo abbondantemente le quantità inquinanti di protossido di azoto nell’aria previste dalla legge. La causa intentata martedì dal procuratore generale dell’Arizona Mark Brnovich afferma anche che Mercedes-Benz USA e la sua società madre, Daimler, hanno nascosto intenzionalmente la pratica ai consumatori, nonostante la commercializzazione dei loro veicoli diesel BlueTEC come ecologici.

I test condotti dagli esperti dello stato hanno rivelato che le emissioni su strada dei veicoli erano elevate, ma quando gli stessi veicoli venivano testati all’interno di un laboratorio avevano basse emissioni. “Gli imputati hanno travisato e nascosto le prestazioni reali delle emissioni dei propri veicoli equipaggiati con motori BlueTEC a causa delle sue manipolazioni che limitano i controlli delle emissioni in condizioni di guida normali”, ha affermato il Procuratore dell’Arizona nella causa. La portavoce di Daimler AG Uta Wuest von Vellberg ha dichiarato in una e-mail che la società ritiene che le motivazioni della causa siano prive di valore. “Intendiamo difenderci vigorosamente contro di loro”, ha detto.

La causa ha tracciato parallelismi tra i veicoli Mercedes e i veicoli che imbrogliavano sulle emissioni prodotti in passato da Volkswagen, che ha riconosciuto che questa pratica era illegale e fraudolenta. Robert Carey, un avvocato di Phoenix che rappresenta lo stato dell’Arizona nella causa, ha detto che il metodo di frode delle emissioni di Mercedes era diverso da Volkswagen, ma il risultato è stato lo stesso.

Lo stato sta chiedendo risarcimenti per diverse migliaia di residenti dell’Arizona che hanno acquistato o affittato tali veicoli Mercedes tra il 2007 e il 2016 e sanzioni civili fino a $ 10.000 per ogni violazione dell’Arizona Consumer Fraud Act. La causa non specifica l’importo richiesto al produttore di automobili. Una causa intentata nel New Jersey nel 2016 ha anche accusato Mercedes di programmare i suoi veicoli BlueTEC per disattivare i sistemi di riduzione del protossido d’azoto quando la temperatura ambiente scendeva sotto i 10 gradi Celsius.