Nonostante il ruolo di secondo piano in cui Valtteri Bottas si è ritrovato alla fine della stagione 2018, Mercedes afferma di dover gestire “due piloti A” l’anno prossimo.
L’unico pilota nelle prime tre squadre che non ha vinto un singolo Gran Premio nel 2018, è Valtteri Bottas. Il finlandese indubbiamente ha avuto una stagione deludente con la Mercedes. Surclassato dai risultati di Lewis Hamilton, che ha firmato undici vittorie in 20 Gran Premi e conquistato il quinto titolo mondiale, il finlandese ha subito prima la sfortuna, poi una vera crisi di risultati nella seconda parte della stagione.

Nonostante questa situazione imbarazzante, l’ex pilota della Williams non ha perso nulla del supporto di Toto Wolff. Perché il direttore della squadra tedesca assicura: nel 2019, i contatori saranno resettati di nuovo e non ci sarà alcun dubbio su Bottas. Dunque i due piloti partiranno nuovamente alla pari nelle gerarchie della scuderia tedesca. Il quinto posto in campionato per Bottas è un risultato molto negativo, ma Toto Wolff vuole garantire il suo sostegno massimo al pilota anche nel prossimo anno. “Non avremmo vinto il titolo piloti o costruttori senza Valtteri”, afferma l’austriaco, prima di ripetere l’assenza di una gerarchia predefinita internamente.

“Per trovare il giusto equilibrio con la presenza di due piloti alla pari è essenziale avere un ambiente di lavoro produttivo”. “Valtteri, nonostante la sua sfortuna, non ha mai perso l’entusiasmo è sempre stato in grado di tenerci di buon umore, anche quando ha perso l’opportunità di vincere la gara. Alla fine, Valtteri ci ha permesso di rimanere positivi. Non era negativo all’interno del gruppo, ha mantenuto una buona energia, motivo per cui ha contribuito a questi due titoli mondiali “.

Mercedes F1