Mercedes-Benz 220S Cabriolet 1958 asta

La serie W180 di Mercedes è caratterizzata da auto di lusso prodotte fra il 1954 e il 1960. Di questa fa parte anche la Mercedes-Benz 220S Cabriolet, appartenente con esattezza alla serie W180 II. A partire dal 1956, la gamma della 220S si arricchì anche della versione cabrio, disponibile sia a due che a quattro posti e caratterizzata da un passo accorciato di 12 cm rispetto alla berlina.

Abbiamo di fronte la versione più esclusiva della gamma 220S e dell’intera famiglia W180 e derivate. Durante un’asta che si terrà a Parigi, Bonhams metterà in vendita uno dei soli 1280 esemplari costruiti nel 1958 della Mercedes-Benz 220S Cabriolet, con telaio n°180030N8512564.

Mercedes-Benz 220S Cabriolet 1958 asta
Mercedes-Benz 220S Cabriolet 1958 laterale

Mercedes-Benz 220S Cabriolet: Bonhams metterà in vendita un esemplare completamente restaurato

La vettura in questione è stata completamente restaurata da Ponton Manufaktur nel 2011-2012, è stata registrata in Austria e ha percorso circa 9800 km dal restauro. Secondo le stime fatte dalla famosa casa d’aste, la vettura dovrebbe essere venduta a un prezzo compreso tra 150.000 e 180.000 euro.

Con il suo sistema di sospensioni indipendenti su tutte e quattro le ruote, la 220S nasconde sotto il cofano una versione potenziata del motore a sei cilindri da 2195 cc con albero a camme in testa, capace di produrre una potenza di 100 CV. Tale unità consentiva alla 220S Panton Cabriolet di raggiungere una velocità massima di circa 160 km/h.

Mercedes-Benz 220S Cabriolet 1958 asta
Mercedes-Benz 220S Cabriolet 1958 motore

Vale la pena notare che questo modello a quattro posti è stato prodotto in un numero parecchio inferiore rispetto alla moderna 190 SL a due posti e inoltre presenta delle rifiniture con uno standard qualitativo più elevato. Risalente al penultimo anno di produzione, questa Mercedes-Benz 220S Cabriolet fu immatricolata per la prima volta il 21 novembre del 1958 in Germania.

Originariamente, l’auto disponeva di una carrozzeria in blu chiaro con finiture interne in marrone chiaro. Il veicolo fu de-immatricolato il 2 ottobre del 1972 e da allora non si sa più nulla della sua storia, fino a quando non è stata acquistata da una società di costruzioni tedesca.

Il progetto di restauro completo è stato ultimato nel 2012 da Ponton Manufaktur. Attualmente, l’auto appartiene al suo secondo proprietario post-restauro che l’ha acquistata nel 2016.