Un tribunale della Corea del Sud ha condannato Mercedes-Benz Korea a pagare una multa di 2,4 milioni di dollari per la vendita di circa 7.000 veicoli equipaggiati con parti non autorizzate in violazione della legge sulla conservazione dell’aria pulita della Corea e della legge doganale. Il tribunale del distretto centrale di Seoul ha detto che un dipendente della società tedesca di nome Kim “è stato arrestato e condannato a otto mesi di prigione per non aver risolto la questione per tre anni e mezzo in base a quattro sanzioni applicate”.

Kim era incaricato di ricevere l’approvazione per i cambiamenti nei ricambi auto. Secondo la legge coreana, è obbligatorio ricevere l’approvazione governativa per i veicoli equipaggiati con nuove parti. L’anno scorso, la casa automobilistica tedesca è stata processata con l’accusa di importazione e vendita di 6.749 unità di veicoli con parti non autorizzate del valore di 624,5 miliardi di won tra gennaio 2014 e luglio 2017.

La casa automobilistica non aveva ancora ricevuto l’autorizzazione per le emissioni e le parti incriminate, che erano diverse da quelle dichiarate nei documenti ufficiali, secondo l’accusa. “La compagnia sembra aver importato consapevolmente veicoli non certificati. L’azienda ha beneficiato di oltre 200 miliardi di won per aver mancato l’autorizzazione “, ha dichiarato la corte nella sua sentenza. Mercedes-Benz Korea ha dichiarato che farà appello contro la sentenza della corte per “interpretazioni errate” e che “le parti di auto modificate sono irrilevanti per sicurezza e prestazioni”.

“Mercedes-Benz Korea rispetta la giurisprudenza della corte coreana. Tuttavia esprimiamo il nostro rammarico per le preoccupazioni sollevate dalla mancanza di documentazione derivante da un’interpretazione errata del processo di importazione e certificazione senza l’intenzione del dipendente di eludere la legge “, ha detto la società in una nota. “Prendiamo sul serio il caso. Negli ultimi due anni, i processi interni sono stati rinforzati e modificati per riflettere il mutevole contesto normativo “, ha aggiunto.