Mercedes-Benz Vitoria prende aria. L’impianto di punta della casa tedesca in Spagna ha preso la decisione di non interrompere la produzione nei due giorni di stop programmati il 28 febbraio e il 1 ° marzo, poiché dal reparto vendite è stato richiesto di aumentare la produzione di 1.000 unità. La commissione per l’organizzazione dell’orario di lavoro dell’impianto della multinazionale ha organizzato questa settimana un incontro nel quale ha anche ratificato il mantenimento della produzione di 152.000 unità per l’intero anno, secondo le fonti sindacali Efe.

Il 25 gennaio, la stessa agenzia ha annunciato l’interruzione della produzione in questi due giorni a causa del calo degli ordini per i suoi veicoli a causa dell’incertezza creata intorno al diesel. Per questo mese la fabbrica di Mercedes-Benz dovrebbe fermarsi il 25, 26 e 27 febbraio, una pausa che si aggiunge a quelle di ottobre e dicembre dello scorso anno per un totale di 14 giorni, a causa dall’ampio stock di veicoli accumulati in in tutto il mondo.

Una piccola pausa per un impianto in cui la crisi del diesel ha colpito duramente negli ultimi mesi. Secondo i dati forniti nelle Assemblee di Alava dai rappresentanti di UGT, negli ultimi sei mesi del 2018 si è registrato il mancato rinnovo di 800 posti di lavoro dal 31 agosto fino alla fine del anno. I responsabili della fabbrica hanno ammesso che non era stato possibile tenere 650 lavoratori temporanei e altri 150 che erano stati assunti per il periodo di ferie e che sono rimasti fino a settembre nella fabbrica.