Mercedes conferma che parteciperà al documentario di Netflix

Netflix

La prima stagione del documentario che Netflix ha prodotto durante la stagione del 2018 ha avuto due assenze molto sorprendenti: Ferrari e Mercedes. Entrambe le squadre hanno rifiutato di prendere parte alla serie che raccontava lo sviluppo della scorsa stagione  in cui proprio le due scuderie sono state le principali protagoniste. Secondo Toto Wolff, questo rifiuto di collaborare con la piattaforma di streaming era dovuto all’assenza di Ferrari e al timore che ciò potesse distogliere Mercedes dal suo duello con la squadra italiana. Argomento che è stato rafforzato dopo aver visto il risultato, che l’austriaco considerava poco fedele alla realtà.

Toto Wolff ha dato il via libera alla Mercedes per partecipare attivamente alla serie di Netflix di quest’anno sulla Formula 1

“Il motivo del nostro rifiuto ad una partecipazione è arrivata principalmente perché il nostro principale concorrente Ferrari aveva deciso di non partecipare e ho pensato che sarebbe stata una distrazione per noi”, ha detto Toto Wolff . “Poi l’ho visto durante il mio viaggio in Australia (prima gara del 2019) e non mi è piaciuto. Penso che non rifletta quello che è accaduto realmente in pista. ”

“D’altra parte, la reazione degli spettatori meno familiari con la Formula 1 è stata molto positiva, cosa che ha incoraggiato Wolff a cambiare idea. ” Tutti quelli che hanno parlato con me e non erano dei grandi fan, mi hanno detto che lo hanno adorato”, ha riconosciuto. “L’ho visto di nuovo e ho capito che mostrava storie che non esistono in pista. E i personaggi mi hanno mostrato un’altra angolazione con la quale poter attirare un nuovo pubblico, diverso da come io percepisco la Formula 1 “.

Di conseguenza, Toto Wolff ha dato il via libera alla Mercedes per partecipare attivamente alla serie di quest’anno, anche se solo in uno degli episodi per evitare più distrazioni del necessario. “Ecco perché ho deciso di far parte di Netflix 2019. Anche se solo in una gara, sarà probabilmente Hockenheim. Ma non sono ancora sicuro “, ha concluso.

 

Looks like you have blocked notifications!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI