Come vi abbiamo riportato in un nostro precedente articolo, Mercedes in USA ha registrato un calo delle vendite del 6,3 per cento, ma ciò non è stato sufficiente per consentire a BMW di rubare la corona come re del segmento premium negli Stati Uniti. Nel corso del 2018 le vendite BMW hanno registrato un aumento dell’1,7 per cento, con un totale di 311.014 unità. Mercedes-Benz, d’altra parte, ha riportato un totale di 315.959 unità. Ma la battaglia si sta facendo più accesa, visto che in BMW sembrano pronti a riconquistare la corona che hanno perso circa tre anni fa. In effetti la casa bavarese ha vinto a dicembre, infatti le vendite del marchio tedesco hanno raggiunto le 34.357 unità, mentre la Mercedes ha venduto 32.016 unità.

Se Mercedes e Bmw si stanno ben comportando in USA altrettanto non si può dire dei diretti concorrenti. Lexus è la terza casa premium ma ha subito un calo del 2,2% nelle vendite, con un aumento di 298.310 unità. Audi, d’altra parte, ha mostrato un calo dell’1,4 percento a 223.323 unità. Questi risultati sono in linea con il segmento complessivo del lusso statunitense, che ha registrato un calo dello 0,3 percento per l’anno, con un totale complessivo di 2.027.312 unità. Nelle classifiche Acura sorprendentemente ha superato Cadillac lo scorso anno, vendendo 4.232 unità in più rispetto al marchio americano, raggiungendo un totale di 158.934 unità.

I SUV si confermano tra le auto preferite degli americani anche nel segmento premium. La X3 è risultato il modello più venduto negli Stati Uniti da Bmw seguita dalla X5. I due modelli combinati hanno rappresentato circa il 20% delle vendite complessive di dicembre. Stessa cosa è accaduta in casa Mercedes con il Mercedes-Benz GLC che è il best seller seguito dai modelli della Classe C e della Classe E.