Il capo della Mercedes, Toto Wolff, ha assicurato che la prossima stagione la sua scuderia adotterà la soluzione dei buchi nelle ruote che quest'anno ha sollevato un vespaio di polemiche. La scuderia di Stoccarda in alcuni Gran Premi quest'anno ha adottato una soluzione aerodinamica che consisteva nel fare buchi nei mozzi delle gomme delle sue monoposto per prevenire il surriscaldamento, uno dei principali problemi dei tedeschi quest'anno. Il dubbio che questo trucco potesse rappresentare un vantaggio aerodinamico ha fatto sì che la Ferrari chiedesse alla FIA lumi sulla sua legittimità.

La Federazione ha considerato questa soluzione legale, ma Mercedes decise di non usarla durante alcuni Gran Premi per paura di una protesta contro la sua Scuderia che avrebbe potuto portare ad una squalifica. Tuttavia, il capo della Mercedes, Toto Wolff, anticipa che non sarà così nel 2019, in quanto intendono sfruttare i vantaggi offerti da questi buchi nella gestione dei pneumatici. "Non c'è motivo di fare un passo indietro". In questo modo, Wolff conferma il primo dettaglio sull'auto dei tedeschi per il 2019. "Non penso che la situazione sia molto complicata perché non si può avere una garanzia migliore di una conferma scritta dalla FIA, non c'è dubbio che li useremo nella macchina del prossimo anno ", ha commentato l'austriaco, secondo quanto pubblicato dall'agenzia di stampa GMM.

La Federazione ha voluto parlare di questo problema con i team e ha anche lavorato per preparare una direttiva tecnica che non lascia dubbi su cosa è permesso fare a proposito del raffreddamento dei pneumatici per il futuro. "Cercheremo di trovare una regola che affronti il ​​problema del raffreddamento e tenga conto degli effetti aerodinamici secondari, non penso che la Mercedes abbia vinto il campionato per questo", ha detto Whiting alcune settimane fa.