Il direttore tecnico ingegneristico di Mercedes, Aldo Costa, ha minimizzato le voci che parlavano di una battuta d'arresto iniziale per lo sviluppo del motore della nuova monoposto del 2019 per i campioni in carica. All'inizio di dicembre, il boss di Silver Arrows, Toto Wolff, ha rivelato che lo sviluppo del nuovo motore non stava andando come previsto, provocando una battuta d'arresto.  Se le preoccupazioni fossero sincere o meno non si sa, Costa ha però gettato acqua sul fuoco.  "Penso che sia stato un po' frainteso", ha dichiarato Costa a La Gazzetta dello Sport. "Quando metti un nuovo motore con nuovi concetti sul banco, potrebbe esserci qualcosa che non funziona. Ma non è niente di drammatico. "

Il problema allo sviluppo del nuovo motore di Mercedes non sarebbe nulla di grave

Costa si aspetta che la Ferrari lanci un'altra sfida per il titolo nel 2019, ma è anche cauto per la minaccia che la Red Bull pone con il suo nuovo fornitore di motori, Honda. "La Ferrari sarà ovviamente lì per combattere con noi", ha aggiunto. "Ma mi aspetto anche la Red Bull, visto che parlano sempre bene del nuovo motore Honda. Sicuramente per noi non è stato un anno perfetto. Abbiamo faticato a capire le gomme e in questo modo la Red Bull è stata migliore di noi. Anche la nostra affidabilità era buona ma non eccezionale."

Ma Costa è sembrato un po' più riservato quando si trattava di elogiare Max Verstappen e le sue potenziali credenziali per il titolo, affermando che la continuità è fondamentale se vuole raggiungere gli stessi livelli del cinque volte campione del mondo, Lewis Hamilton. Ha detto: "Lui [Verstappen] è un talento, è veloce, ma deve ancora migliorare la sua consistenza per diventare l'arma vincente di Hamilton."