Mercedes potrebbe chiudere le sue attività a Juiz de Fora (MG) lasciando 900 disoccupati

Mercedes Juiz de Fora

La città di Juiz de Fora in Brasile, nell’area mineraria, presto celebrerà i due decenni della presenza di Mercedes-Benz. Tuttavia, l’annuncio della società che prevede di spostare la maggior parte della fabbrica in altri stati ha riempito l’anniversario di preoccupazioni. Si stima che 900 lavoratori saranno licenziati e che l’economia della regione subirà una recessione.

La compagnia conferma l’intenzione di trasferire la maggior parte delle attività a Vitória (ES) e a São Bernardo do Campo (SP). Attualmente, la fabbrica di camion a Juiz de Fora è considerata una delle più moderne dell’America Latina. In un’udienza pubblica al municipio di Juiz de Fora, lunedì 15, il direttore della comunicazione di Mercedes Brasile, Luiz Carlos Moraes, ha affermato che l’azienda continua a scommettere sul mercato brasiliano, ma si sta muovendo per aumentare la sua efficienza.

“Abbiamo bisogno di crescere per aumentare il numero di posti di lavoro”, dice. “La logistica Rio de Janeiro, Minas Gerais non funziona. Affrontiamo i problemi. Non possono trasferire a noi un problema che riguarda l’infrastruttura “, ha accusato il direttore delle comunicazioni di Mercedes, riferendosi alle autorità pubbliche. Luiz Carlos dice anche che le vendite di camion in Brasile sono diminuite da 172 mila unità nel 2011 a 75 mila nel 2017.

Il sindaco Antônio Almas (PSDB), presente all’udienza, afferma di aver cercato parlamentari del Senato e della Camera federale per risolvere il problema. “In realtà, noi del municipio siamo gli attori meno importanti. I grandi attori sono l’Assemblea legislativa, il governo dello Stato, il Congresso nazionale e la presidenza della Repubblica. Sono loro che hanno un rapporto più diretto con la direzione dell’azienda “, sostiene.

I dipendenti dello stabilimento Mercedes a Juiz de Fora sono circa 1.150 e di questi, 900 potrebbero perdere il lavoro. I dipendenti della società tedesca hanno paura di finire tra i 13 milioni di disoccupati del paese, con grandi difficoltà per trovare una nuova occupazione. E considerano ingiusto che, dopo anni, possano perdere la stabilità del lavoro senza i riconoscimenti dell’azienda a cui si sono dedicati.

Looks like you have blocked notifications!