Mercedes non punta a diventare la prima casa automobilistica a sviluppare una vettura a guida autonoma, ma vuole essere tra i primi due gruppi in grado di potenziare la tecnologia, ha dichiarato Christoph Schroeder, dirigente della casa automobilistica di Stoccarda parlando con la stampa del suo paese. Le case automobilistiche e le società tecnologiche come Uber, Google, General Motors, Volkswagen si contendono il primato di lanciare i primi servizi di robotaxi per i clienti paganti come modo per entrare nel giro degli affari.

La divisione Waymo di Google ha completato la maggior parte delle miglia di prova con i prototipi di veicoli, portando i rivali tra cui Volkswagen a riconoscere che Waymo è in testa al gruppo in termini di sviluppo di un prototipo. Mercedes, che è di proprietà del gruppo Daimler, produttore tedesco di auto e camion, non è scoraggiata dai progressi di Waymo. “Dobbiamo essere tra i primi due gruppi ad essere in grado di potenziare la tecnologia e portarla alla produzione in serie”, ha detto Schroeder al giornale. Insomma anche la casa automobilistica della Stella vuole essere protagonista dei grandi cambiamenti che presto sconvolgeranno il settore. Al CES di Las Vegas avremo un primo antipasto di ciò che la società tedesca intende fare.