Red Bull: le nuove prove cambieranno il verdetto su Lewis Hamilton

Red Bull nuove prove Lewis Hamilton

Red Bull ha presentato nuove prove davanti alla FIA, affermando che cambieranno il verdetto contro Lewis Hamilton a cui è stata inflitta una penalità di 10 secondi per essersi schiantato contro Max Verstappen durante il Gran Premio di Gran Bretagna di qualche weekend fa.

L’incidente ha portato il pilota olandese in ospedale ed è costato alla scuderia austriaca 1,8 milioni di dollari, un costo significativo considerando il limite di budget che è stato introdotto per la prima volta nello sport.

Red Bull: la scuderia austriaca pare abbia nuove prove contro Lewis Hamilton

Helmut Marko, capo del programma piloti della Red Bull, ha detto: “Porteremo nuove prove che non erano a nostra disposizione al momento dell’interruzione della gara o quando l’intera faccenda è stata affrontata. Queste saranno portate avanti giovedì e speriamo che ciò riporterà a una rivalutazione perché continuiamo a pensare che questa sanzione sia stata troppo clemente per Hamilton“.

Inoltre, il responsabile ha affermato che la sanzione per Hamilton è stata così minima che è riuscito a vincere comunque la gara visto il vantaggio che la monoposto Mercedes aveva sul del gruppo. Christian Horner, team principal della Red Bull, ha definito il contatto del pilota britannico con Verstappen “amatoriale e disperato“. Da lì è partita una guerra tra i fan del pilota austriaco ed Hamilton con alcuni riferimenti razzisti nei confronti di quest’ultimo.

Sarebbe opportuna una penalità che avrebbe impedito la vittoria. Quindi drive-through o squalifica alla prossima gara, qualcosa del genere. Ma questo sta ai commissari. Innanzitutto siamo molto contenti che questa riapertura sia avvenuta. E ora vedremo come lo giudicheranno. Ma penso che ciò che porteremo avanti lo metterà in una luce leggermente diversa“, ha dichiarato Marko. Egli ha spiegato quale sarebbe una penalità appropriata per il sette volte campione del mondo.

Lo stesso Verstappen ha definito antisportive le eccessive celebrazioni fatte da Lewis Hamilton in vista del suo infortunio e incidente. Nel caso in cui il 36enne del Mercedes-AMG Petronas F1 Team venisse squalificato o la sua penalità aumentata retroattivamente, potrebbe ribaltare la posta in gioco del campionato del mondo e potrebbe anche consegnare a Charles Leclerc della Scuderia Ferrari la vittoria del GP di Gran Bretagna.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!