Red Bull potrebbe usare i dati sull’incidente per far penalizzare Hamilton

Lewis Hamilton Max Verstappen incidente

La Red Bull ha già espresso il suo disappunto per la penalità che è stata inflitta a Lewis Hamilton alla luce dell’incidente con Max Verstappen. Il fatto che il pilota britannico abbia vinto la gara nonostante la penalità ha alimentato una potenziale causa che la scuderia austriaca intende portare avanti.

Il vantaggio del pilota olandese non è stato interrotto solo nel campionato del mondo. C’è un effetto domino nell’era del limite dei costi, poiché la monoposto di Verstappen ha subito molti danni e potenzialmente anche il suo motore non è più recuperabile.

Red Bull: la scuderia austriaca potrebbe intentare una causa contro Lewis Hamilton

Ciò significa che le nuove parti per la vettura Red Bull prenderanno diversi soldi che la scuderia ha faticato per riuscire a bilanciare. Questo potrebbe significare anche tagli di posti di lavoro.

Se il motore venisse sostituito, Max Verstappen potrebbe subire una penalità in griglia che ostacolerà ulteriormente il suo obiettivo di conquistare il campionato. Nella sua rubrica per Sky Sports, Martin Brundle ha rivelato che la Red Bull avrebbe alcuni dati sull’incidente che prevede di utilizzare contro Mercedes-AMG Petronas F1 e Lewis Hamilton per riuscire a fare avere al campione del mondo una squalifica di una gara. La Red Bull ha inoltre intenzione di appellarsi alla FIA.

Mi è stato detto dalla Red Bull che ci sono dati che possono usare per dimostrare che Hamilton è andato alla Copse Corner significativamente più veloce che in qualsiasi altro momento e che non avrebbe potuto fare la curva senza andare largo e inevitabilmente toccando Verstappen alla fine. È probabile che questi dati vengano fuori. E se la Red Bull pensa di avere nuove prove, allora può fare appello alla FIA perché pensano che Hamilton sia più colpevole di quanto si pensasse e la punizione per il britannico è stata gestita con troppa indulgenza”, ha detto l’ex pilota di Formula 1.

Nel caso in cui questa situazione non venisse risolta in seguito all’appello alla FIA, potrebbe esserci un’azione legale da parte della Red Bull. Brundle ha espresso il suo disappunto per il modo in cui sia Toto Wolff che Christian Horner, i team principal della Mercedes-AMG Petronas F1 e della Red Bull, hanno cercato di influenzare gli steward dopo l’incidente.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!