Share Now nuova app

Share Now ha annunciato nelle scorse ore un nuovo importante passo verso l’integrazione dei servizi di car2go e DriveNow. In particolare, il 12 novembre verrà rilasciata la nuova applicazione Share Now che sarà praticamente un rebrand completo della precedente app car2go.

Nel corso delle prossime settimane, tutti i clienti DriveNow dovranno passare al nuovo applicativo mentre quelli di car2go dovranno semplicemente effettuare un aggiornamento. In contemporanea con il nuovo software, Share Now lancerà il nuovo sito Internet dedicato interamente al servizio di car sharing.

car2go DriveNow
car2go DriveNow

Share Now: l’unificazione dei due servizi partirà ufficialmente martedì prossimo

Il cambiamento più importante avrà effetto per tutte le persone dei luoghi in cui car2go ed DriveNow hanno operato assieme in maniera distinta, ossia Berlino, Amburgo, Monaco, Colonia, Milano, Vienna e Düsseldorf. Entro il primo trimestre 2020, le flotte di entrambi i servizi verranno unite gradualmente.

Al termine di quest’operazione, le varie auto potranno essere prenotate esclusivamente dall’app Share Now. Vienna sarà il primo paese in cui il nuovo servizio vedrà l’integrazione delle due flotte mentre in Italia ciò avverrà a partire dall’inizio del prossimo anno.

DriveNow
DriveNow

Olivier Reppert, CEO di Share Now, ha commentato dicendo: “La nuova app, il sito web e la presenza del marchio sui veicoli permetteranno al brand Share Now di diventare realtà. Con la graduale integrazione delle flotte DriveNow nella nuova app, stiamo compiendo gli ultimi passi decisivi verso la creazione del mondo Share Now“.

Reppert ha proseguito: “Nel prossimo futuro, i nostri clienti trarranno pieno vantaggio dalla fusione di car2go e DriveNow: una più ampia scelta di veicoli e una maggiore disponibilità renderanno il car sharing ancora più attraente, come parte integrata dei servizi di mobilità urbani“.

A Milano (l’unica città italiana in cui entrambi i servizi operano), Share Now adotterà l’ex area operativa di DriveNow di 123 km² che è più estesa rispetto a quella di car2go mentre a Roma, Firenze e Torino non verranno apportate modifiche.