Toto Wolff: dal successo con Maldonado all’egemonia in Mercedes

Mercedes Toto Wolff

Toto Wolff è diventato uno dei boss del team di maggior successo nella storia della Formula 1. In un’intervista al Corriere della Sera Wolff racconta come è diventato team principal di Mercedes e quali sono gli ingredienti per restare in alto con la squadra tedesca. Da quando Mercedes ha introdotto i motori ibridi nel 2014 tutti e dieci i titoli mondiali disputati sono stati conquistati dalla scuderia tedesca che ha vinto 74 delle 100 gare e si è piazzato non meno di 84 volte in pole position. Quella di Mercedes è attualmente una tirannia spietata e lascia briciole occasionali agli avversari. Ma come ha fatto Wolff a finire in Mercedes?

“E’ stata una coincidenza. Nel 2008 ho incontrato Mateschitz e mi ha chiesto se volevo comprare la Toro Rosso. Ho rifiutato, perché pensavo che fosse troppo rischioso. Poi sono entrato in contatto con Frank Williams e sono diventato il suo socio. Sebbene non avessi esperienza, mi è stato permesso di guidare la squadra. Abbiamo vinto una gara con Maldonado nel 2012″. “In quel momento mi ha contattato un senior manager di Daimler e mi ha chiesto perché la Mercedes non avesse vinto nulla. Gli ho dato il mio parere, a quanto pare a lui è piaciuto molto e  mi ha detto: ‘Vogliamo che vai in Mercedes e assicuri che la squadra vinca il mondiale. Dobbiamo lasciare che la stella risplenda di nuovo. ”

Nel 2013 Toto Wolff stabilito la base per l’egemonia attuale che ha portato a 5 vittorie consecutive per il team nel campionato costruttori e in quello piloti. “Lewis Hamilton ha una personalità esuberante, ma mi fido del mio vecchio metodo. Questa è fiducia e lealtà, concetti semplici che richiedono un’enorme dedizione. In un’epoca in cui le urla più forti vengono ascoltate di più, un’era in cui il nazionalismo è cresciuto, dove ogni messaggio passa alla velocità della luce, io credo ancora in un dialogo personale”, ha spiegato l’austriaco.

Hai le notifiche bloccate!