in

Wolff: Mercedes aperta a modifiche basate sui nuovi design delle ali anteriori dei rivali

Toto Wolff non esclude che Alfa Romeo e Ferrari abbiano trovato una soluzione migliore per le ali posteriori, ma per il momento non parla di modifiche

Toto Wolff
Toto Wolff

Toto Wolff dice che Mercedes dovrà accettare che Ferrari e Alfa Romeo potrebbero aver fatto un lavoro migliore interpretando le regole che hanno governato il design dell’ala anteriore della loro auto. Le regole del 2019 della Formula 1 sono state definite allo scopo di promuovere il sorpasso e migliorare la spettacolarità delle corse, grazie in parte a un’ala anteriore più ampia e semplice. Tuttavia, sono emerse tra le squadre variazioni di design, destinate a preservare il collasso di un’auto che l’ala più semplice è destinata a ridurre.

Mercedes e Red Bull, come la maggior parte del settore, hanno scelto di attenersi a un approccio relativamente convenzionale per il design della parte anteriore, ma le menti creative di Ferrari e Alfa Romeo, e in misura minore in Toro Rosso, hanno optato per i flap che corrono e si abbassano verso la piastra terminale delle ali. Alla luce della prestazione della scorsa settimana da parte della Ferrari e dei problemi di gestione che Lewis Hamilton e Valtteri Bottas hanno finora sperimentato con il loro W10, gli ingegneri della squadra SilverArrows hanno ovviamente preso nota dei progetti intelligenti dei loro rivali.

“Devi essere di mentalità aperta”, ha detto Toto Wolff. “Abbiamo sempre avuto una diversa filosofia di progettazione rispetto a molti altri team. Noi pensiamo di aver trovato la soluzione migliore. Tuttavia essendo in presenza di un nuovo cambiamento normativo, è necessario essere aperti su ciò che gli altri hanno fatto. E se qualcosa funziona meglio, ogni squadra al momento guarderà ciò che gli altri hanno messo sulla macchina e farà le sue valutazioni su chi è stato più bravo”.

Il team principal di Mercedes però non ha voluto dire se ha intenzione di modificare il design delle monoposto della sua scuderia. “Queste sono cose che non fai da un giorno all’altro”, ha aggiunto. “Se dovessi pensare a cambiare il concetto aerodinamico della macchina, non è questione di giorni o settimane: è questione di mesi.”

Looks like you have blocked notifications!