BMW, Volkswagen e Mercedes: la salvezza passa dalla Cina

Daimler, Bmw e Volkswagen
Daimler, Bmw e Volkswagen

La Cina, che negli ultimi anni ha rappresentato il 30% del mercato automobilistico mondiale, aumenterà la sua importanza globale nel 2020 a causa del crollo del resto del mondo a causa della pandemia di coronavirus e se prima era già la chiave per i produttori di auto “, ora è fondamentale “, afferma José M. Asumendi, analista di JP Morgan. Il primo impulso è arrivato questo lunedì, dopo aver appreso che le vendite di veicoli sono cresciute nel paese a maggio, dopo 11 mesi in calo. In Europa, la notizia è stata celebrata in borsa da tutte le case automobilistiche, ma a medio e lungo termine i tre grandi gruppi tedeschi Bmw, Volkswagen e Mercedes sono quelli che potrebbero trarre i maggiori benefici.

BMW ha ottenuto il 19,7% delle sue entrate totali in Cina nel 2019, mentre la Daimler (Mercedes) l’11% e la Volkswagen il 17,2%, ma nell’intera Asia-Pacifico. Questa esposizione e la loro intenzione di rafforzare la loro presenza nella seconda economia mondiale – la prima ad iniziare a emergere dalla crisi – garantisce loro di essere in grado di ammortizzare meglio di Renault, Fiat Chrysler o PSA (la casa madre di Peugeot e Citröen) il crollo del vendite in Europa, il suo mercato principale e nella maggior parte del mondo.

La crisi già presente nel settore automobilistico europeo, messa alle strette dalla trasformazione della mobilità verso un futuro più sostenibile e dall’irresistibile integrazione dell’auto condivisa e autonoma, che coinvolge più conducenti / passeggeri ma meno veicoli, ora aggiunge lo shock della domanda a causa della pandemia di coronavirus, che sta lasciando gli attori più deboli.

Questo contesto si riflette già nel crollo del mercato azionario europeo con Daimler che dall’inizio dell’epidemia ha perso il 17%,  BMW il 15% e Volkswagen il 22%, mentre, nonostante il rimbalzo verticale nelle ultime settimane, Renault accumula un calo del 33%, Peugeot 34% e Fiat Chrysler 34%. “BMW sta espandendo la sua capacità in Cina di circa 100.000 unità, il che è in netto contrasto con i suoi sforzi per ridurre la sua forza lavoro in Europa fino a 6.000 lavoratori, nonché con l’intenzione di posticipare l’aumento delle nuove strutture in Ungheria”, osserva il team di analisti di JP Morgan.

Qualcosa di simile sta accadendo anche nel caso di Daimler, “che cerca di aumentare la sua capacità di 80.000 unità nel paese”, e Volkswagen, che di recente ha sottolineato che in Cina riceve dividendi significativi, attraverso la sua partecipazione a gruppi locali, di 3.000 milioni un anno, “una solida fonte di denaro”, come descritto dagli esperti della banca d’investimento, mentre BMW e Daimler raccolgono quasi $ 1 miliardo.

Ti potrebbe interessare: Mercedes: possibile alleanza con Volkswagen o BMW in arrivo

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!