Daimler amplia i test su come le sue auto reagiscono alle radiazioni elettromagnetiche

Daimler
Daimler

Nello stabilimento Daimler di Sindelfingen, il costruttore di automobili sta testando in futuro come l’elettronica delle automobili reagisce alle radiazioni elettromagnetiche come le comunicazioni mobili. Daimler ha investito 50 milioni di euro in un nuovo edificio di prova, inaugurato lunedì. La società sottolinea che questi controlli diventano sempre più importanti e complicati dall’elettronica e dalla tecnologia di controllo di un’automobile. Ciò vale ancor di più per la guida autonoma e l’importante in questo contesto è valutare lo standard 5G.

Una nuova struttura è stata inaugurata oggi dal gruppo tedesco per i test sulle radiazioni elettromagnetiche

I banchi di prova esistenti della casa automobilistica tedesca erano troppo occupati per garantire lo svolgimento di questi  importanti test. La nuova struttura ospita grandi sale, che sono dotate di cosiddetti assorbitori su pareti e soffitti. Queste stele a forma di piramide causano il completo silenzio nelle stanze. Successivamente, gli ingegneri della Daimler possono bombardare la vettura con radiazioni elettromagnetiche di varie gamme di frequenza, come lo standard 4G utilizzato nelle comunicazioni mobili. I metodi di prova parzialmente nuovi sono stati sviluppati da Daimler insieme all’Università tecnica (TU) Ilmenau in Turingia e alla TU di Monaco.

Ti potrebbe interessare: Daimler collega la nuova sala di assemblaggio “Factory 56” con il 5G

Looks like you have blocked notifications!