Daimler e Volvo riavviano la produzione in Cina

Daimler
Daimler

Mentre la produzione di veicoli e componenti ha subito un rallentamento in Europa a causa dell’epidemia di coronavirus, Daimler e Volvo e anche i loro fornitori affermano che le loro fabbriche in Cina stanno tornando attive. Daimler ha riaperto la sua fabbrica in Cina, dove la domanda di automobili si sta riprendendo, ha dichiarato il CEO Ola Kallenius a un giornale tedesco. “La stragrande maggioranza dei nostri concessionari ha riaperto, i clienti stanno tornando”, ha detto Kallenius a Handelsblatt . “Ogni giorno sempre più persone vengono dai concessionari di automobili. La domanda sta aumentando, il che ci rende ottimisti”.

Daimler e Volvo e anche i loro fornitori affermano che le loro fabbriche in Cina stanno tornando attive

All’inizio di questo mese, Volvo Cars ha riaperto i suoi quattro stabilimenti produttivi in ​​Cina dopo un lungo periodo di chiusura per far fronte allo scoppio del virus. La casa automobilistica ha detto che l’attuale traffico dello showroom indica un ritorno alla normalità nel mercato automobilistico cinese. Volvo produce veicoli a Chengdu, Luqiao e Daqing e costruisce motori a Zhangjiakou.

Un altro segnale positivo è che la consociata Volvo Polestar ha iniziato la produzione martedì del suo primo modello di volume, la Polestar 2, a Luqiao. “Questo è un grande risultato e il risultato di enormi sforzi da parte dello staff della fabbrica e del team per assicurare la catena di approvvigionamento”, ha dichiarato il CEO di Polestar Thomas Ingenlath in un comunicato stampa.

Ti potrebbe interessare: Daimler: produzione in Cina stabile nonostante il coronavirus