Daimler: i concessionari di automobili sono strategicamente importanti per noi

Daimler
Daimler

La responsabile vendite di Daimler Britta Seeger vuole digitalizzare ulteriormente la vendita al dettaglio dei suoi marchi. In un’intervista con la rivista “Drive”, al manager è stato chiesto come pensa che sarà il settore automobilistico in futuro. Seeger ha risposto: “Molto cambierà, lo possiamo vedere nel comportamento dei clienti. Chiunque avesse in passato firmato un contratto di vendita era stato in precedenza in concessionaria fino a otto volte, oggi invece solo una o due volte. ”

Ciò dimostra che i componenti digitali stanno diventando più importanti, continua Seeger. In questo contesto, la pandemia di coronavirus è ovviamente un ulteriore catalizzatore per Daimler. “La pandemia ha anche accelerato l’uso dei touchpoint digitali tra i nostri clienti. Insieme ai nostri partner commerciali, abbiamo rafforzato le nostre offerte online esistenti con breve preavviso e questo è stato ben accolto “, ha spiegato il direttore delle vendite. In futuro, i canali digitali e i servizi senza contatto diventeranno ancora più importanti.

Secondo Seeger, Daimler non vuole sostituire completamente la vendita al dettaglio fissa. “Possiamo solo affrontare insieme le sfide attuali insieme come una squadra”, ha detto. È convinta che l’esperienza personale di un marchio sia un fattore strategico essenziale, soprattutto in un mondo digitalizzato. “Oltre l’80% dei clienti desidera ancora essere informato personalmente e fare test drive”, afferma Seeger. Le esigenze di mobilità continuano ad essere “molto individuali”

Il gestore sta traendo opportunità dalla crisi del coronavirus. “La situazione ci ha chiarito che la mobilità individuale è e rimane una risorsa molto preziosa”, ha dichiarato Britta Seeger. Tuttavia, si sta vivendo un cambiamento: lei stessa è la madre di bambini che raggiungeranno presto la maggiore età. I suoi figli avranno accesso ai trasporti locali, agli autobus notturni, al car sharing, ecc. “Un’infrastruttura che non avevamo in precedenza”. Seeger vede questo come un motivo plausibile per non possedere un’auto fino a quando le condizioni di vita non cambiano. Il responsabile vendite Daimler conclude: “Soddisfare le esigenze di mobilità dei clienti continuerà ad essere molto individuale in futuro”.

Ti potrebbe interessare: Moody’s mantiene il rating ‘A3’ di Daimler ma lo declassa ‘negativo’

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI