Daimler: Kallenius ha in mente una sorta di “Windows per l’auto”

Ola Kallenius
Ola Kallenius

Il numero uno di Daimler, l’amministratore delegato Ola Kallenius ha in mente una sorta di “Windows per l’auto”. Il cinquantenne non esclude fondamentalmente la cooperazione selettiva per il suo sistema operativo MB.OS con gruppi tecnologici come Google o Apple. “Ma alla fine occupiamo l’interfaccia con il cliente. Non consegneremo dispositivi meccanici ad altri, che è possibile sfruttare in modo digitale.”

Invece di vendere ai clienti una nuova auto ogni tot di anni, Källenius vuole guadagnare presto molti soldi con gli aggiornamenti software che i conducenti Mercedes possono anche utilizzare per acquistare successivamente sistemi di assistenza alla guida migliorati o più autonomia elettrica per le loro auto elettriche. Il potenziale è enorme. Källenius ritiene che i ricavi digitali potrebbero “raggiungere un volume di diverse centinaia di milioni di euro in tempi relativamente brevi”

La maggiore attenzione al software cambierà radicalmente l’industria automobilistica e il rapporto tra Daimler e i suoi fornitori, afferma Kallenius. Vuole disaccoppiare l’hardware dal software: “Oggi è spesso possibile acquistare solo un’unità di controllo che è forzatamente accoppiata al software più attuatore. Noi vogliamo cambiare le cose e in futuro programmeremo il software da soli in molti casi. ”

Ti potrebbe interessare: Coronavirus: Ola Källenius ha rivolto ai suoi dipendenti un breve video messaggio

Looks like you have blocked notifications!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI