È così che Mercedes combatterà Covid-19 nei suoi concessionari e officine

Mercedes
Mercedes

Mercedes ha sviluppato un protocollo di protezione e prevenzione contro Covid-19, la malattia causata dal coronavirus SARS-CoV-2, nella sua rete di rivenditori e officine.
La nuova normalità sta raggiungendo anche le case automobilistiche, che devono cambiare le loro abitudini rivolte al cliente per proteggerle dal coronavirus SARS-CoV-2 e dal Covid-19 che provoca.

Questo è il caso di Mercedes, che ha sviluppato un protocollo di protezione e prevenzione nei suoi rivenditori e officine. Unisce le misure stabilite dal gruppo Daimler con le raccomandazioni formulate dall’OMS e il protocollo di protezione e prevenzione settoriale preparato da Faconauto, Anfac, Sernauto, UGT e CC.OO. Tutto questo è supervisionato dal Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo e approvato dal Ministero della Salute.

Per la preparazione del protocollo, Mercedes ha delegato a TÜV SÜD ATISAE , un ente indipendente che ha una vasta esperienza internazionale nello svolgimento di servizi di valutazione in diversi settori. Verificherà inoltre la conformità dei processi implementati sia nei concessionari che nelle dimensioni aderenti al programma.

Mercedes assicura che saranno prese diverse misure che hanno a che fare sia con le aree di vendita che post-vendita. Sono previste misure dal trasferimento dei dipendenti sul posto di lavoro all’attenzione lungo la strada di cui un cliente potrebbe aver bisogno. Da parte loro, i centri e i veicoli saranno costantemente sottoposti a servizi igienico-sanitari utilizzando le tecniche più efficaci sul mercato e in cui verranno utilizzati anche prodotti rispettosi della salute delle persone.

Ti potrebbe interessare: I dipendenti Mercedes del quartier generale in USA lavoreranno da casa per tutto il 2020

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI