in

F1: Mercedes ha ammesso di avere qualche piccolo problema con il suo motore

In vista dell’imminente stagione di Formula 1 del 2020, Mercedes ha fornito un aggiornamento su come stanno sviluppando i nuovi motori

Mercedes-AMG Petronas Motorsport F1

In vista dell’imminente stagione di Formula 1 del 2020, Mercedes ha fornito un aggiornamento su come stanno sviluppando i nuovi motori, ammettendo che ci sono alcuni “problemi” che devono essere affrontati. Le frecce d’argento hanno vinto gli ultimi sei campionati costruttori e piloti – un record nello sport – e stanno puntando al loro settimo titolo in questa stagione. La loro auto (e ovviamente Lewis Hamilton ) sono state le ragioni riconosciute per il loro successo in questo periodo, quindi, naturalmente, molta attenzione è rivolta allo sviluppo della loro unità di potenza per il 2020.

A poco più di un mese dall’inizio del mondiale, i tedeschi hanno aggiornato i fan sui loro preparativi. “Molte cose succedono a Brixworth, molti miglioramenti nell’intera unità di potenza, sul lato ERS, sul lato motore a combustione interna”, ha detto Cowell in un video pubblicato sui social media. “Come sempre combattiamo con alcuni piccoli problemi mentre mettiamo insieme tutto. “Così tanto lavoro per costruire le specifiche giuste, farle funzionare a lungo, e quindi fornire unità di potenza ai team in modo che possano accendere le loro auto – penso che tu ne abbia individuato uno già acceso!

“E poi preparando l’hardware per andare in pista. Lancio dell’auto il 14 febbraio e poi via a Barcellona con tre macchine che si spera facciano bene in pista. Solo sei giorni di prove in pista, prima di partire per Melbourne.” Tuttavia, l’ingegnere Mercedes ha sottolineato le difficoltà di mettere insieme così tante parti su un’auto, solo per separarle per ogni viaggio intorno al mondo per le gare. “E il pool di gare, un numero enorme di quelle parti già realizzate, le assemblee che vanno insieme e la sfida di portare tutto dall’altra parte del mondo”, ha spiegato. “Quindi un momento impegnativo, inseguendo un po’ di prestazioni, ottenendo l’affidabilità lì, mettendo insieme l’enorme quantità di hardware e portandola dall’altra parte del mondo.”

Ti potrebbe interessare: Il CEO di Daimler smentisce l’addio di Mercedes alla Formula 1

Looks like you have blocked notifications!