Mercedes W11
Mercedes W11

La trasmissione televisiva dei test di F1 sul Circuit de Barcelona-Catalunya ha rivelato oggi un nuovo sistema di direzione della Mercedes W11, la cui esistenza è stata confermata dal direttore tecnico del team, James Allison: il suo nome è DAS. Il sistema presumibilmente serve a cambiare la convergenza dei pneumatici anteriori, a gestire meglio la loro temperatura, a ridurre la loro resistenza all’aria e probabilmente altri effetti.

Il direttore tecnico di Mercedes, James Allison, è stato responsabile della presentazione pubblica del sistema, durante una conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio sul Circuito di Barcellona-Catalunya: “Abbiamo un sistema in macchina, è una nuova idea. Ha un nome, DAS, e introduce una dimensione sul volante che sarà utile durante l’anno. Ma come lo usiamo e perché, è qualcosa che vogliamo tenere per noi stessi. ”

La legalità del sistema non preoccupa Allison: “No, davvero. Questo è qualcosa di cui abbiamo già parlato con la FIA. I regolamenti sono abbastanza chiari su ciò che è consentito nei sistemi di gestione e crediamo che soddisfi tutti i tuoi requisiti. ” Il britannico ha ricevuto una valanga logica di domande sul DAS, ma le ha fermate: “Penso di aver già detto più o meno tutto ciò che volevo, quindi spero che mi consentirete di non aggiungere altro. Nei prossimi giorni vedremo quanti benefici ci porterà. ”

L’ipotesi principale per descrivere il funzionamento del DAS è che il movimento longitudinale del volante mostra che c’è anche uno spostamento del piantone dello sterzo del veicolo. Questo sarebbe l’unico parametro che influirebbe sul dispositivo Mercedes, che sfrutta la circostanza che il regolamento tecnico è molto più rilassato in quella zona rispetto al movimento dei componenti delle sospensioni, dove è molto rigido. La cosa interessante è che il cambiamento nella posizione della gestione provoca una reazione a catena passiva nelle aste dello sterzo e, quindi, nella convergenza delle ruote.

Ti potrebbe interessare: Button elogia Verstappen: “Max ha il talento più naturale in Formula 1”