Formula 1: Mercedes nega di nascondere la sua forza durante le prove libere

Valtteri Bottas

Sia la Ferrari che la Mercedes hanno invitato i fan della F1 a non prendere in considerazione i risultati delle sessioni di allenamento. A Baku, ad esempio è apparso che la Ferrari avesse un vantaggio sugli avversari nelle prime prove libere, mentre poi come sappiamo Mercedes ha dominato sia nelle qualifiche che in gara. Una teoria è che la scuderia tedesca deliberatamente nasconda la propria forza in queste prove.

Toto Wolff nega che la sua scuderia si nasconda durante le prove libere per poi dare il meglio in qualifiche e gara

Ma il team principal della scuderia nega questa ipotesi in maniera piuttosto netta. “Non stiamo cercando di ingannare nessuno”, insiste il capo della Mercedes, Toto Wolff. “Crediamo in realtà che abbiamo ancora molto da capire e migliorare sulla nostra nuova auto”, ha detto. “Il nostro successo nelle prime gare è dovuto a molti fattori: il team non ha commesso errori, le giuste decisioni strategiche e i piloti sono stati perfetti.

“Tutto ciò ci ha permesso di vincere le prime quattro gare, mentre i nostri avversari hanno avuto più problemi”, ha aggiunto Toto Wolff. Mattia Binotto della Ferrari è d’accordo. “Ho ripetutamente affermato che non dovremmo sopravvalutare i risultati delle prove libere e dei test”, ha detto, dopo che la Ferrari ha dominato a Baku fino alle qualifiche. “I team lavorano su diversi programmi con diversi livelli di carburante e diverse impostazioni del motore, quindi è molto difficile trarre conclusioni su tale base.” Tuttavia, Binotto ha ammesso che prima che Charles Leclerc si schiantasse, pensava che la pole a Baku fosse una possibilità.

Ti potrebbe interessare: Bottas e Hamilton: Wolff è contento che il loro rapporto sia buono

Mercedes F1
Looks like you have blocked notifications!