Free Now: gli utenti del servizio hanno percorso oltre 20 milioni di km in un anno

Free Now oltre 20 milioni di km in un anno

È trascorso un anno da quando mytaxi è diventata Free Now. Da luglio 2019 ad oggi, gli utenti della piattaforma hanno percorso oltre 20 milioni di chilometri a bordo dei 4500 taxi che operano a Palermo, Napoli, Milano, Roma, Torino, Catania e Cagliari.

In questi ultimi 12 mesi, inoltre, più del 70% dei passeggeri ha scelto di pagare la propria corsa sfruttando l’applicazione dedicata anziché in contanti in modo da ottenere la ricevuta digitale del viaggio effettuato ed evitare troppi contatti, soprattutto in quest’ultimo periodo dove c’è il coronavirus.

Free Now oltre 20 milioni di km in un anno
Free Now, oltre il 70% dei passeggeri hanno pagato la corsa tramite app per ottenere la ricevuta digitale e non cartacea

Free Now: da luglio 2019 sono stati percorsi oltre 20 milioni di km nei 4500 taxi

Ottavia Marotta, Public Affairs Manager di Free Now Italia, ha dichiarato: “Siamo soddisfatti dei numeri registrati nel primo anno di Free Now, considerato anche il periodo di crisi che la categoria ha vissuto e che sta tuttora vivendo a causa dell’emergenza sanitaria. Siamo sicuri che i prossimi mesi saranno positivi, grazie anche alla recente sentenza del Consiglio di Stato che sostiene la libertà imprenditoriale dei tassisti e che ha confermato l’illiceità delle clausole di esclusiva poste in essere dai principali radiotaxi di Milano che avevano precluso ai propri membri l’uso di applicazioni digitali, quali Free Now“.

Oltre ad aver cambiato nome in Free Now, il rebrand ha modificato anche il suo posizionamento che l’ha portato ad integrare altri servizi nella propria app, diventando così un fornitore di mobilità più ad ampio raggio. Il brand è sinonimo anche di libertà di movimento in quanto permette agli utenti di spostarsi in modo personalizzato, scegliendo la tipologia di taxi adatta alle esigenze.

Free Now oltre 20 milioni di km in un anno

Questi includono taxi standard, taxi elettrici o ibridi, taxi XL con fino a quattro posti a sedere e taxi in grado di accogliere anche le persone disabili. Durante l’emergenza sanitaria, inoltre, sono state lanciate due modalità di viaggio studiate ad hock: Eroi (dedicata alla Fase 1 dell’emergenza che ha permesso ai tassisti di offrire corse gratuite al personale umanitario) e Taxi+Schermo (che consente a tutti gli utenti di scegliere un taxi con divisorio per viaggiare all’insegna di sicurezza).

Andrea Galla, Head of Operations di Free Now Italia, ha affermato: “A conferma dell’apprezzamento del servizio, gli utenti di Free Now hanno assegnato 4.9 stelline su 5 al lavoro dei tassisti, che a loro volta hanno valutato i propri passeggeri con un punteggio di 4.8 stelline”.

Free Now oltre 20 milioni di km in un anno

Galla ha proseguito dicendo: “Ci teniamo molto a questa funzionalità, in quanto innesca un meccanismo virtuoso tra conducente e cliente, entrambi sempre in grado di fornire la propria valutazione a fine viaggio. Di media una corsa in taxi a Milano, Roma e Napoli dura circa 16 minuti e il tempo di attesa medio per l’arrivo di un Free Now si assesta intorno ai 4 minuti“.

Il primo compleanno di Free Now coincide anche con l’anniversario della partnership con Moovit, l’app più utilizzata al mondo per il trasporto pubblico.

La partnership siglata un anno fa tra Moovit e Free Now ha avuto una portata storica, in quanto ha unito nella stessa app il trasporto pubblico di linea e il servizio taxi. Abbiamo così dato il via ad un approccio innovativo che considera la mobilità come un’offerta integrata di servizi per il cittadino, da fruire, grazie alla tecnologia, senza soluzione di continuità, in base alle proprie esigenze di spostamento“, ha speigato Samuel Sed Piazza – Director of Partnerships EMEA & APAC di Moovit.

Sembra che le notifiche siano off!