Lewis Hamilton

Lewis Hamilton ha difeso la strategia del suo team Mercedes dopo un risultato deludente nel Gran Premio del Brasile. Il pilota britannico era secondo all’inizio della gara, ma un pit-stop durante un periodo di Safety Car lo ha lasciato quarto a due giri dalla fine. A quel punto il pilota inglese si è scontrato con Alexander Albon e ha subito una penalizzazione che lo ha fatto finire settimo. Il direttore tecnico della Mercedes, James Allison, ha dichiarato che il team è stato responsabile della chiamata “semplicemente stupida” e che hanno fornito a Hamilton cattive informazioni. Ma il pilota ha difeso il suo team.

“Il team ha fatto un ottimo lavoro con la strategia”, ha dichiarato Hamilton. “Non è stata una loro decisione alla fine, l’hanno offerta come un’opportunità per me.” Mercedes ha detto ad Hamilton che la pitting lo avrebbe perso di un posto, ad Albon, ma ha perso anche una seconda posizione con Pierre Gasly .”Non pensavo che sarebbe andata così male considerando che sarei uscito solo dopo aver perso un posto e il cambio gomme mi avrebbe dato la possibilità di superare rapidamente Albon”, ha detto Hamilton. “Ma non è stato il caso, ovviamente.”

All’inizio della gara Hamilton ha messo in dubbio la decisione del team di metterlo su gomme morbide anziché medie quando ha fatto il suo primo pit stop mentre cercava di superare il leader della corsa Max Verstappen. Ma dopo la gara Hamilton dubitava che avrebbe fatto molta differenza per il risultato. “Quando sono uscito da quella prima fermata ho pensato che avrei dovuto adottare un’altra strategia. Ma sarei comunque rimasto bloccato dietro la Ferrari. “E probabilmente sarebbe stato difficile tenere il passo con Verstappen con il ritmo delle gomme soft. Abbiamo dato tutto, abbiamo fatto tutto quello che potevamo e spero che avremo altre grandi gare del genere. ”

Ti potrebbe interessare: Lewis Hamilton: “Il messaggio di Ron Dennis mi ha davvero toccato”