La Commissione Hamilton: la nuova iniziativa di Lewis per l’uguaglianza

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton

La Commissione Hamilton è la nuova iniziativa di Lewis Hamilton. Creato in collaborazione con la Royal Academy of Engineering, è un programma per la promozione e il reclutamento di talenti volto ad attirare giovani neri verso l’ingegneria competitiva. L’obiettivo è quello di rompere le barriere e rendere la categoria regina più diversificata. “Quando ripenso a 20 anni da qui, voglio vedere che lo sport che ha regalato a Stevenage un giovane ragazzo nero della classe operaia così tante opportunità è diventato un posto così diverso come il mondo complesso e multiculturale in cui viviamo.”, dichiara il sei volte campione del mondo in una lettera inviata al Times.

Hamilton afferma che, nonostante il suo successo personale nello sport come pilota, “le barriere istituzionali che hanno reso la Formula 1 tanto esclusiva ed elitaria sono ancora lì”. Osserva che “migliaia di persone lavorano nel settore della concorrenza e quel gruppo deve essere più rappresentativo della società reale”.

“L’immagine della comunità di Formula 1 significa che possono solo accettare completamente determinati tipi di persone. Persone che sono in un certo modo, che provengono da un determinato luogo, che si adattano allo stampo e che giocano secondo determinate regole.

Lewis definisce la Commissione Hamilton come “un’alleanza di ricerca dedicata a indagare come gli sport motoristici possano essere usati come veicolo per raggiungere i giovani con background neri specializzati in scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, per l’impiego nei nostri team, o in altri settori di ingegneria “.

“Ognuno ha uno scopo e in queste ultime settimane sono stato molto più chiaro su ciò che è mio. Voglio incanalare la mia energia, influenza e investimento per creare un mondo più inclusivo. Quel viaggio inizia con l’educazione, che è il percorso verso opportunità. Ecco perché sono diventato un ambasciatore per le Nazioni Unite “.

” L’accesso all’istruzione è fondamentale nella nostra lotta per l’uguaglianza . Se vogliamo davvero cambiare le cose, abbiamo bisogno che le persone responsabili siano più diverse. Ma quell’ambizione è molto più difficile da raggiungere se i bambini non ricevono  l’istruzione di cui hanno bisogno “.

“Nel settore delle corse, quell’evoluzione dell’equazione inizia con la comprensione delle barriere che dobbiamo rompere e in quali catalizzatori dobbiamo investire per accelerare il cambiamento. I gesti simbolici sono finiti. Spero che la Commissione Hamilton porterà a un cambiamento reale, tangibile e verificabile “.

“Vincere i campionati del mondo è fantastico, ma voglio essere ricordato per il mio lavoro nel tentativo di creare una società più egualitaria attraverso l’istruzione . Questo è ciò che mi motiva.”

Lewis Hamilton è stato molto critico nelle ultime settimane con il silenzio che gli altri piloti di Formula 1 hanno  tenuto per la morte di George Floyd per mano di un ufficiale di polizia, a Minneapolis, negli Stati Uniti. Le sue parole hanno motivato più piloti a parlare della questione per condannare il razzismo, inclusi nomi come Carlos Sainz o Charles Leclerc.

Ti potrebbe interessare: Webber: “Verstappen l’unico che può competere con Hamilton in questo momento”