Marko e Horner hanno scritto a Hamilton dopo le accuse di razzismo

Horner - Red Bull
Horner - Red Bull

Christian Horner e Helmut Marko hanno comunicato direttamente con Lewis Hamilton dopo le accuse razziste di ieri del campione di Hech alla Red Bull. Il team di Milton Keynes assicura che, dopo aver scambiato un paio di e-mail con il pilota, la questione è risolta per loro. Marko e Hamilton sono stati i protagonisti della grande storia di questo mercoledì. Lewis ha reagito con rabbia alle false dichiarazioni del consigliere Red Bull in cui considerava una distrazione lottare per l’uguaglianza. Queste parole sono state erroneamente attribuite da un sito Web a RTL, ma non provenivano dalla televisione tedesca e non erano neppure vere.

Il pilota Mercedes non ha verificato le informazioni e ha criticato spietatamente Marko per qualcosa con cui l’austriaco non aveva nulla a che fare. Helmut spiega come ha vissuto ieri pomeriggio in prima persona.

In primo luogo, l’addetto stampa della Red Bull Vicky Lloyd ha contattato Helmut per scoprire se aveva fatto le dichiarazioni per le quali Hamilton lo aveva criticato. “Mi ha chiesto cosa dicevo veramente nell’intervista. Non sapevo di cosa stesse parlando.”

Successivamente, Red Bull e Marko hanno chiesto a RTL di cercare l’audio dell’intervista, dal momento che Helmut assicura di non ricordare tutte le parole di tutte le interviste concesse. Quando fu chiaro che le dichiarazioni erano false, Christian Horner ha contattato Hamilton e Lewis successivamente ha cancellato il suo post.

Poco dopo, Marko stesso ha inviato un’e – mail al sei volte campione e, come conferma Helmut, Lewis ha risposto. Sebbene il consulente Red Bull preferisca non rivelare il contenuto delle e-mail scambiate, assicura che la questione è stata risolta per lui, il che implica che Lewis si è scusato con lui.

“È molto coinvolto emotivamente. Come pilota, non è obbligato a indagare se le dichiarazioni sono vere o no. Pertanto, la sua reazione è comprensibile per me”, ha detto Marko, che rivela che stanno per intraprendere un’azione legale contro sito Web che ha pubblicato tali informazioni.

“Ora intraprenderemo azioni legali contro di loro”, ha detto Marko. Sul sito Web in cui sono state pubblicate le informazioni, non appena Red Bull ha minacciato di intraprendere un’azione legale, l’articolo è stato eliminato e sono state pubblicate le scuse sia a Marko che a Red Bull.

“Grazie a Dio, la maggior parte dei giornalisti indaga su ciò che sta realmente accadendo. RTL mi ha detto che sono stati bombardati da richieste per quattro ore e quando è diventato chiaro che si trattava di una notizia falsa, quasi nessuno ha scritto nulla al riguardo”, ha spiegato. Marko, che lo considera “assurdo”, è stato considerato razzista per ore.

” Non sono un razzista. Abbiamo dipendenti del nostro team di non so quanti paesi. Questo è sempre stato il caso nel nostro programma junior e nella mia azienda ho lavoratori di circa 15 nazionalità e di vari continenti”, ha spiegato Marko, che insiste che l’impegno di Lewis nel movimento “Black Lives Matter” è giustificato.

Ti potrebbe interessare: Hamilton: “Sono stato il primo campione di Formula 1 della classe operaia”

Looks like you have blocked notifications!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI