Il mercato delle auto d’importazione in Giappone ha fatto registrare una partenza molto lenta con un totale di 45 mila unità vendute tra gennaio e febbraio ed un calo del -8% rispetto ai dati raccolti nel corso dei primi due mesi dello scorso anno. Il mercato import giapponese è una nicchia dell’intero mercato auto del Giappone ed attira le attenzioni di appassionati e facoltosi clienti.

Mercedes, da anni, è uno dei brand di riferimento del settore import nipponico ed è il marchio che raccoglie il maggior numero di unità vendute. L’inizio di 2020 per Mercedes in Giappone è stato negativo. Il brand tedesco, infatti, si è fermato ad un totale di 8,476 unità vendute con un calo di oltre 1.000 unità vendute rispetto ai primi due mesi dello scorso anno.

Questo risultato si traduce in un calo percentuale del –11.2%, un dato decisamente più negativo rispetto al risultato dell’intero mercato auto import giapponese. A pesare sui risultati di Mercedes è il -16% registrato nel corso del mese di febbraio. Per Mercedes, inoltre, si registra una quota di mercato del 18.6%.

Mercedes precede Volkswagen e BMW (in forte calo)

Nonostante il forte calo raccolto in questi due mesi, Mercedes continua ad essere il brand di riferimento per il mercato import giapponese precedendo Volkswagen, che ha il 14.6% di quota di mercato e registra vendite in calo del -1.3%, e BMW, che si ferma ad una quota di mercato del 9.7% registrando un calo percentuale del -24% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Da segnalare gli ottimi dati di Audi che cresce del 40% rispetto ai risultati ottenuti nei primi due mesi dello scorso anno arrivando ad una quota di mercato complessiva del 7.4%. Tra i brand premium, inoltre, cresce anche Volvo che arriva al 5.9% di quota di mercato con una crescita del +6.7%.