in

Mercedes, capo AMG: “Il V8 durerà ancora 10 anni”

Il responsabile della divisione sportiva AMG ha garantito che il motore V8 della Mercedes abbia ancora altri 10 anni di vita.

Mercedes V8

Il futuro chiama. Dopo innumerevoli SOS lanciati dall’ambiente, qualcosa sta cambiando in termini di approccio delle Case costruttrici di auto al problema. Un domani il mondo dell’elettrico assumerà probabilmente il comando delle operazioni. I governi e le istituzioni comunitarie si adoperano concretamente per promuovere la svolta, affinché non venga lasciata un’eredità troppo gravosa con la quale fare un giorno i conti. Pertanto, i propulsori termici paiono avere – dal primo all’ultimo – una data di scadenza. Tuttavia, in molti hanno ancora un forte attaccamento ai motori termici e i brand attivi nell’automotive ne devono prendere inevitabilmente atto. Le politiche seguite dai brand mutano sensibilmente da caso a caso, perciò ha poco senso generalizzare. In un’ipotetica scala, Audi e Mercedes-AMG sarebbero probabilmente agli opposti. Mentre il marchio dei quattro anelli mira a commercializzare esclusivamente modelli ad alimentazione elettrica entro il 2026, sull’altro versante il brand a tre stelle intende concedersi del tempo maggiore. Nello specifico, Philipp Schiemer, amministratore delegato della divisione sportiva, crede che i V8 sia ben lontani dall’aver esaurito le relative cartucce.

Mercedes: il V8 non ha i giorni contati

Mercedes V8

In un’intervista concessa al magazine Road & Track, il CEO di Mercedes-AMG ha dichiarato di vedere un longevo avvenire per i propulsori a otto cilindri. Secondo l’alto dirigente almeno per il prossimo decennio saranno sempre presenti delle unità V8. Hanno parecchi clienti che amano questo genere di vetture e ignorarli sarebbe controproducente. Di conseguenza, pensa che verrà concesso loro modo di avvalersene per tanto tempo. Per tali motori c’è una richiesta elevata in ogni angolo del pianeta.

Schiemer ha evidenziato come i V8 non siano sono montati nelle produzioni di serie, bensì pure nei veicoli che gareggiano nei campionati GT3 e GT4 nei tracciati in Europa, America, Cina e Australia.

Apripista per sviluppi futuri

Jochen Hermann, direttore tecnico di AMG, ha espresso il suo parere utilizzando a mo’ di esempio la Mercedes AMG GT 63 S E PERFORMANCE ibrida plug-in, che abbina, a un’unità elettrica, proprio un V8. Una soluzione del genere – ha spiegato Hermann – è in grado di aggiungere potenza, specialmente ai bassi regimi. È dura riuscirci esclusivamente con uno termico e ciò vuol dire che è per lui possibile ottenere performance superiori da un semplice V8. L’ibrido sta aprendo numerose opportunità e dà gli strumenti per perfezionare ulteriormente la formula illustrata con la GT 63 S E-PERFORMANCE.

Le parole proferite alla stampa risultano in parziale contrasto con le affermazione di Markus Schäfer. In occasione del Salone di Monaco, il componente del consiglio di amministrazione di Daimler aveva asserito che il Gruppo non avrebbe investito ulteriori risorse nella tecnologia ibrida plug-in.

Mercedes: le ibride plug-in non spariranno dalla circolazione

Ciò non equivale al fatto che le Mercedes ibride spariranno dalla circolazione. Più semplicemente i prossimi modelli disporranno di unità aggiornate in termini di prestazioni ed efficienza. Detto altrimenti, per ciò che concerne le sportive del reparto AMG, il powertrain allestito sulla GT 63 S E-PERFORMANCE potrebbe essere combinato come fondamenta per diversi mezzi futuri. Senza peraltro dimenticare il pezzo pregiato, l’AMG One, che vanta un sistema ibrido plug-in da 1.200 cavalli.

Looks like you have blocked notifications!