Mercedes deciderà sulla sua formazione piloti per il 2021 in estate

Toto Wolff Mercedes
Toto Wolff Mercedes

Il boss della Mercedes, Toto Wolff, punta sull’estate per decidere la sua gamma di piloti per la prossima stagione. Il manager austriaco pensa che sia meglio vedere come si svolge l’inizio della stagione prima di pensare a cosa sarà meglio per il futuro della squadra.
Dopo il primo terremoto che ha causato la separazione tra Vettel e Ferrari, l’attenzione si concentra ora su Mercedes e Renault. Tuttavia, Toto Wolff assicura che non decideranno sulla loro formazione 2021 fino all’inizio della stagione.

“Non voglio stringere troppo la corda in termini di tempo. Ora vogliamo iniziare la stagione e lasciare che entrambi i piloti competano liberamente. Vogliamo vedere come George Russell si comporta e prendere questa decisione nel corso dell’estate ” , ha dichiarato Wolff nelle osservazioni pubblicate da Auto motore e sport. Dalla Germania assicurano che c’è interesse da parte di Daimler nei confronti di Vettel e Wolff non nega che il quattro volte campione sia un pilota interessante da considerare.

“Sebastian è, ovviamente, un grande personaggio e, con quattro titoli di campione del mondo, uno dei piloti più importanti della sua generazione. È un candidato esterno per un posto in Mercedes. Ma stiamo studiando il nostro team e in termini di talento e personalità, alla fine non direi di no a Sebastian ” , ha aggiunto. Wolff, cauto ad ogni passo, dubita che la strategia della Ferrari sia la migliore. In primo luogo, ritiene che sia rischioso stipulare un contratto con un pilota come quello di Charles Leclerc, fino al 2024 . Inoltre, non è nemmeno d’accordo di annunciare una pausa come la firma di Vettel o Ricciardo con la McLaren così presto, con l’intera stagione a venire.

“È stato strano. Il rinnovo di cinque anni con Charles è piuttosto esteso. Non è proprio comune, anche se hai un pilota eccezionale”, ha detto. “In un certo senso, riteniamo che la relazione tra Sebastian e la squadra non sia stata così buona la scorsa stagione ed è qualcosa che non faremmo” , ha dichiarato Wolff. 

“Ci vogliono entrambe le macchine per accumulare punti. Se entrambi i piloti sono allo stesso livello, entrambi si troveranno nello stesso posto in pista. In questa situazione ti può capitare che un pilota gareggi come se non avesse nulla da perdere perché non ha futuro nella squadra. Abbiamo fatto diversamente, ma non giudicherò se è giusto o sbagliato ” , ha dichiarato Wolff.

Ti potrebbe interessare: Mercedes nega che Wolff lascerà il suo incarico alla fine del 2020

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI