Il Giappone è un mercato molto particolare per quanto riguarda i modelli importati. Gli automobilisti nipponici preferiscono, non solo per questioni economiche, i modelli realizzati direttamente in Gippone ma il mercato dei modelli importati dall’estero è particolarmente fiorente ed in costante crescita e vede i marchi premium giocare un ruolo da protagonisti.

Come confermano i dati di vendita ufficiali relativi ai primi quattro mesi del 2019, Mercedes si conferma il brand leader in Giappone per quanto riguarda i veicoli importati. La casa tedesca ha raggiunto quota 21,025 unità distribuite nel corso dei primi quattro mesi dell’anno ottenendo una quota di mercato complessiva superiore al 18%.

Il risultato ottenuto da Mercedes in questa prima parte di 2019 è in linea con quanto registrato nel corso dei primi quattro mesi dello scorso anno, al netto di un leggero calo delle consegne. Tra gennaio ed aprile del 2018, infatti, Mercedes aveva importato in Giappone 21,605 unità

Nonostante il leggero calo delle consegne, la casa tedesca presenta un consistente margine rispetto a tutta la diretta concorrenza.  Alle spalle di Mercedes, infatti, come principale importatore troviamo Volkswagen che raggiunge quota 15,529 unità importate e BMW che si ferma a 14,659 unità. Molto indietro, invece, Audi che non supera le 7 mila unità.

Da segnalare che Mercedes ha chiuso l’anno fiscale 2018 (aprile 2018 – marzo 2019) con un totale di 66,948 unità distribuite ed una quota di mercato del 18,4%. Anche in questo caso si registra un leggero calo delle consegne (-2%) nel confronto con l’anno fiscale 2017 (aprile 2017 – marzo 2018). Il risultato ottenuto nell’anno fiscale appena concluso ha permesso a Mercedes di conquistare la leadership del mercato con un margine di oltre 14 mila unità su Volkswagen e di 16 mila unità su BMW.

Mercedes ha ora tutte le carte in regola per conquistare la leadership del mercato nipponico anche nel corso dell’anno fiscale 2019 che si concluderà il prossimo mese di marzo. Ad aprile, la casa tedesca ha registrato un totale di 3,640 unità distribuite, un risultato in linea con i dati dell’aprile dello scorso anno.