in

Mercedes SL: mostra speciale per i 70 anni

In occasione dei 70 anni dalla presentazione della prima versione, la Mercedes SL è protagonista di una mostra a lei interamente dedicata.

Mercedes SL

Nove sportive Mercedes SL su un circuito a serpentina, tra cui la più antica esistente, oltre a numerosi altri oggetti ed elementi: la nuova mostra speciale “Faszination SL – seit 70 Jahren ein Traumwagen” (“Fascination SL – un’auto da sogno per 70 anni”) al Museo Mercedes-Benz darà presto il benvenuto ai visitatori. Aprirà il 22 ottobre 2021 e durerà fino al 15 maggio 2022.

Nel marzo 1952, quasi 70 anni fa, Mercedes-Benz presentò la 300 SL. La purosangue ottenne quattro vittorie in cinque gare nello stesso anno. Le richieste di una versione riservata al pubblico furono numerose. L’azienda prestò ascolto e nel 1954 mostrò la 300 SL Coupé e la confortevole 190 SL Roadster. Da allora, c’è stata una tradizione ininterrotta di veicoli di serie con le due iconiche lettere: la “S” sta per “super” e la “L” per “light”. Mercedes-Benz continuerà a scrivere la storia di successo della SL in futuro.

La storia completa

La mostra speciale al Museo MB testimonia l’evoluzione completa della SL. La 300 da corsa con telaio numero 2 costituì la scintilla iniziale, scoccata nel 1952: è la SL più antica esistente ed è stata continuamente di proprietà della fabbrica. La linea di debutto fu la 300 SL Coupé del 1954.

Questa famosa proposta dalle portiere ad “ali di gabbiano” e tutte le ulteriori declinazioni fino ad oggi possono essere viste nella kermesse dedicata. Una showroom rappresenta le innovazioni tecnologiche SL dal 1952. L’anello a serpentina dà l’impressione di essere effettivamente in viaggio, così come la colorata parete con cartoline delle vacanze provenienti da ogni angolo del pianeta con la SL.

Gli esemplari della mostra “Faszination SL – seit 70 Jahren ein Traumwagen”

Vettura sportiva da corsa 300 SL (W 194), numero di telaio 2, 1952

Un successo immediato: con la vettura sportiva da corsa 300 SL (W 194), Mercedes-Benz tornò per la prima volta alle corse internazionali dopo la Seconda guerra mondiale. Risultato: tripla vittoria a Berna, doppia a Le Mans e alla Carrera Panamericana in Messico, quadrupla al Nürburgring. L’esemplare in esposizione con numero di telaio 194 010 00002/52 è il SL più antica su piazza – di proprietà della fabbrica dal 1952.

300 SL Coupé (W 198), 1955

Mercedes SL

Sogno fino ad oggi: design e tecnologia rendono tanto affascinante la 300 SL esibita a New York nel febbraio 1954. Si chiamano “ali di gabbiano” o “papillon” (farfalla), le porte fissate al tetto. Non un fine estetico in sé, bensì una manovra tecnicamente necessaria. Perché il lato del telaio tubolare è talmente alto che non è possibile realizzare costruzioni di porte convenzionali.

190 SL (W 121), 1959

Auto Mercedes

Guida comoda e magia a cielo aperto: queste sono state le caratteristiche chiave della Mercedes-Benz SL sin dalla 190 SL. Tenuta a battesimo a New York nel 1954 insieme alla 300 SL Coupé, è stata un perfetto complemento alla gamma sin dal suo lancio sul mercato nel 1955 come roadster aperta. Entrambi i veicoli e la 300 SL Roadster sono da attribuire all’iniziativa dell’importatore statunitense Maximilian E. Hoffman. Furono costruite un totale di 25.881 unità della 190 SL.

300 SL Roadster (W 198), 1961

Mercedes vettura

Geni da corsa e il glamour di una scoperta: la Mercedes-Benz 300 SL Roadster combina perfettamente entrambe le essenze. Fu svelata a Ginevra nel marzo 1957 in veste di erede della coupé. Dotato di un telaio ulteriormente elaborato, in seguito riceverà freni a disco e un blocco motore in fusione di alluminio. Con la 300 SLS derivata dalla versione di produzione, il pilota Paul O’Shea divenne campione nella categoria D nel 1957.

230 SL (L 113), 1965

Pagoda Mercedes

La “Pagoda”: al Salone di Ginevra del 1963, Mercedes-Benz tirò su il velo alla 230 SL della serie W 113. Concepita in quanto comoda turismo a due posti ad elevate prestazioni, sostituì, in concomitanza, la 190 SL (W 121) e la 300 SL Roadster ( W 198). La forma dell’hard top opzionale ricorda i templi asiatici ed è valso il soprannome di “pagoda”. È la prima autovettura aperta al mondo con “l’interno di sicurezza”.

500 SL (R 107), 1982

Mercedes SL

Eleganza e solidità: è ciò che emana la SL della serie R 107, introdotta per la prima volta 50 anni fa nella primavera del 1971. I propulsori a otto cilindri stazionano peraltro sotto il cofano: non era mai successo nel lungo romanzo della SL. Con una permanenza nelle concessionarie di oltre 18 anni, la serie R 107 detiene un record interno del marchio che difficilmente verrà mai battuto. Di conseguenza, è presente un assortimento ben articolato di varianti.

SL 500 “SL Edition” (R 129), 2000

Mercedes Mille Miglia

Portatore di innovazione: Mercedes-Benz ha illustrato la SL della serie R 129 al Salone di Ginevra nel 1989. Il look raffinato con il suo colpo d’occhio eccezionalmente armonioso è considerato uno dei lavori meglio riusciti dal dipartimento design, all’epoca sotto la guida di Bruno Sacco. Tale SL innalzò pure gli standard in termini di sicurezza: componenti importanti sono il roll bar automatico e sedili dalla ragguardevole solidità. Quella in esposizione è una “SL Edition” del 2000.

SL 500 (R 230), 2001

Mercedes R 230

Anteprima della generazione R 230. Il suo contributo più significativo fu il tetto modulabile, un tettuccio pieghevole in lamiera d’acciaio piena: il veicolo diventa una roadster – e viceversa, una coupé – in soli 16 secondi. Il design coniuga tradizione e futuro, ad esempio attraverso le aperture per l’aria nei parafanghi anteriori e i profili stretti a forma di ala, ricordando la leggendaria 300 SL della serie W 198.

SL 500 “Mille Miglia 417” (R 231), 2015

Nel gennaio 2012, in occasione del 60° compleanno della SL, Mercedes-Benz ha presentato la serie R 231. Uno degli obiettivi era la riduzione del peso dell’auto sportiva. Ha una scocca in alluminio, il cofano del bagagliaio è realizzato in acciaio e plastica e nel sistema del tetto sono utilizzati magnesio e plastica. Numerosi sistemi per la sicurezza attiva e il comfort sono di serie o disponibili su richiesta.

Il Museo Mercedes-Benz è aperto tutti i giorni dal martedì alla domenica dalle 9:00 alle 18:00. La biglietteria chiude sempre alle 17:00. Per registrarsi, prenotarsi e chiedere informazioni, al di là del recapito telefonico (attivo dal lunedì alla domenica dalle 9:00 alle 18:00) al numero +49 711 17-30000, è attivo l’indirizzo e-mail classic@daimler.com e il portale online www.mercedes-benz-museum.com.

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!