Minardi prevede l’addio della Renault e il ritiro della Mercedes dalla F1

Giancarlo Minardi prevede il ritiro della Renault dalla Formula 1 e che la Mercedes si sbarazzerà della squadra rimanendo come fornitore di motori per la stagione 2022.
Il fondatore del team che portava il suo nome, dove molte stelle hanno debuttato, tra cui Fernando Alonso, in nessun momento ha smesso di interessarsi a ciò che accade in F1. Secondo l’italiano, l’addio delle due squadre avverrà nel 2022, l’anno in cui le regole cambieranno profondamente e dovrà essere stabilito un “massimale di bilancio”, il che costringerebbe le squadre rimanenti ad allineare una terza vettura – se possibile – a a meno che non emergano ipotetici acquirenti dei team che diranno addio.

“Alcune delle squadre che hanno scritto pagine brillanti su questo sport, come Williams o McLaren, affrontano molte difficoltà. Il team di Woking ha dovuto ipotecare il suo quartier generale e la sua collezione di auto storiche per trovare la liquidità necessaria. Williams può contare al momento delle iniezioni di Michael Latifi, il cui figlio è pilota quest’anno per la squadra “.

Ma non sono gli unici campanelli d’allarme. Ce ne sono altri che suonano dal lato Renault. Che la sua situazione non fosse buona era già stato intuito alla fine dello scorso anno, quando la McLaren decise di passare al motore Mercedes. “La Renault è ora in attesa di un significativo aiuto da parte del governo francese per salvare i posti di lavoro e le finanze del marchio. In questo contesto, è difficile che continui in F1 oltre il 2021”, afferma Minardi.

Renault sa già cosa vuol dire vendere le sue attrezzature e riacquistarle più tardi. Lo ha fatto con Benetton, lo ha fatto di nuovo con Lotus e Gerard López, e ora proverà a ripetere la mossa … anche se all’orizzonte non ci sono molti possibili acquirenti, né ci sono persone in grado di assumere la struttura e dargli continuità.

Il caso della Renault sembra chiaro e anche la possibilità che Mercedes saluti. L’abbiamo detto la settimana scorsa. Minardi sostiene che Mercedes “è pronta a trasferire il team alla fine del 2021, rimanendo solo come fornitore di motori” e afferma che Ola Källenius ha un vero potere decisionale sul team, come dimostrato nel discusso GP australiano. Fu lui a imporre che la Mercedes di votare per la sua sospensione. Giancarlo ritiene, tuttavia, che la Mercedes sia una squadra vincente, un’ottima struttura e che sia più facile trovare un acquirente”. Tuttavia, c’è un punto debole nell’operazione: la Mercedes dovrebbe “finanziare” il prossimo anno la costruzione dell’auto con le nuove regole.

Ti potrebbe interessare: Wolff: “Non ho mai visto così tanto opportunismo e manipolazione”

Sembra che tu abbia bloccato le nostre notifiche!