Toto Wolff nel paddock Mercedes

Toto Wolff è sorpreso dall’egoismo che esiste nel paddock di Formula 1. Il boss Mercedes assicura che questo ha raggiunto i massimi livelli durante la pausa a causa della crisi covid-19. Il presidente della FIA Jean Todt ha assicurato che la pandemia è una buona opportunità per cambiare in meglio la Formula 1. Tuttavia, Wolff dubita che questa sia l’intenzione di alcuni team, che pensano di aver approfittato di questa situazione per sistemare i propri interessi e hanno mostrato il loro egoismo in un momento in cui lo sport dovrebbe mostrare unità nella stessa direzione.

“Sono stato in questo sport dal 2009 con Williams e non ho mai visto così tanto opportunismo e manipolazione. Ci sono parti dello sport che metto in discussione e a volte lo sport si trasforma in rumore di fondo e non è più la cosa più importante”, commenta Wolff in un intervista con ESPN. “Ho imparato molto da varie persone e anche se so che stiamo parlando di un ambiente altamente politicizzato in cui tutti cercano di realizzare un profitto, direi che questi ultimi sei mesi sono stati i più politicizzati in Formula 1 di cui ho fatto parte”.

Wolff critica quanto alcune persone abbiano usato i media per condurre guerre e ricorda che le parole non contano nulla quando torneranno in pista, ma solo le prestazioni conteranno. “In primo luogo, in un certo senso l’isolamento è stato buono perché non dovevo interagire con determinate persone. D’altra parte, si vedeva chiaramente che c’erano persone che sentivano il bisogno di comunicare attraverso i media, ma alla fine tutto questo è irrilevante “, afferma. “Il motivo per cui amiamo questo sport è perché è basato sulle prestazioni. Una volta che la Formula 1 ripartirà tutte queste interviste e opinioni diventeranno irrilevanti”, afferma il capo Mercedes.

Ti potrebbe interessare: Wolff sul futuro incerto: ” È di questo che stiamo parlando adesso ”