Ola Källenius, presidente di Daimler parla delle nuove sfide per il suo gruppo

Ola-Kallenius

Essere “troppo grandi per fallire” è un mito nel moderno mondo aziendale. Nessuno è al sicuro da drastici cambiamenti nella percezione pubblica, nelle abitudini di acquisto e nei problemi di approvvigionamento. Il colosso di Stoccarda che Mercedes-Benz è al momento, sembrava instabile, a causa degli anni di spese inutili e della mancanza di preparazione che sembrava avere per il futuro. Ma il lancio di veicoli elettrici sta iniziando a dare buoni frutti e Ola Källenius ha molto a che fare con questo.

Il nuovo capo di Daimler, Ola Källenius , appena nominato, ha molto di più da affrontare. Lo svedese, che era a capo del dipartimento di ricerca e sviluppo prima di salire al posto di comando del gruppo tedesco, ha emesso tre avvertimenti in merito agli utili, essendo stati effettivamente dimezzati nel 2019, costringendo Mercedes a mantenere miliardi di riserve.

Indubbiamente, queste riserve dovranno pagare multe per il problema di emissioni che stiamo vivendo dal famoso dieselgate, per non parlare del pagamento delle multe pesanti che probabilmente arriveranno per non aver raggiunto gli obiettivi di CO2 più severi nel 2021 . Se questo scenario peggiora nel tempo, dove si troverà la Mercedes? 2025? “Con la schiena contro il muro”, risponde l’amministratore delegato, senza lasciare traccia di un sorriso. “Ma saremmo in buona compagnia, perché i nostri concorrenti affrontano battute d’arresto imponderabili simili. In questi giorni, il successo non è più esclusivamente una tua creazione. ”

Questo potrebbe essere il caso, ma Mercedes avrà il maggior successo possibile. Per riguadagnare lo slancio perduto, il consiglio ha deciso di riprendere tutti i progetti bloccati, coinvolgendo tre nuovi pilastri: Electric First, AMG  e MBD, che abbraccia la rivoluzione digitale.

Electric First è un passo fondamentale verso il lusso moderno e sostenibile” , afferma Källenius. Il piano è di introdurre una variante “EQX” completamente elettrica insieme a opzioni più convenzionali. Una nuova spinta in AMG, con il migliore amico di Ola Källenius al timone Tobias Moers, è già in preparazione. “AMG ha un grande potenziale di crescita”, ritiene Källenius. “A medio termine, circa 200.000 unità dovrebbero essere un obiettivo realistico (AMG ha venduto 132.136 auto nel 2019) .” MBD, nel frattempo, deve guidare la transizione della casa automobilistica verso un importante progresso tecnologico per rimanere rilevante.

Insieme a questi piani, Stoccarda sta annullando anni di spese inutili. Ad esempio, mentre BMW ha consolidato la maggior parte delle sue auto su una delle due piattaforme, Mercedes si è impegnata in una costosa varietà di architetture parallele. Ciò cambia ora quando esplode la bolla del budget, con un’architettura Mercedes modulare notevolmente pragmatica (MMA1 / MMA2) e scalabile per essere trovata nel 2024 o all’inizio del 2025.

Ti potrebbe interessare: Daimler: Kallenius ha in mente una sorta di “Windows per l’auto”

Sembra che tu abbia bloccato le notifiche!

Mbenz.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie SEGUICI QUI